SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Premio Annibal Caro, vince la settima edizione Barbara Teresi

4' di lettura
46

“Dedico questo premio a mia mamma che mi ha insegnato l’amore per la lingua italiana, ad Amira Ghenim e a tutte le letterature cosiddette minori che minori non sono”. È la dedica di Barbara Teresi vincitrice della settima edizione del premio che porta il nome dell’illustre traduttore dell’Eneide di Virgilio nato a Civitanova Marche.

La sua traduzione dall’arabo di “La casa dei notabili” della scrittrice tunisina Amira Ghenim, edito da e/o, ha convinto i giurati che in questi mesi si sono raccolti attorno al progetto, ben 180 i votanti. Gli altri due candidati della terna finalista si sono aggiudicati ex aequo il Premio della Giuria Tecnica: Maurizia Balmelli, per la traduzione dall’inglese di “Il passeggero” di Cormac McCarthy, edito da Einaudi e Tommaso PIncio per la traduzione dall’inglese di “Cassa 19” di Claire-Louise Bennett, edito da Bompiani.

La questione dell’arabo è complessa perché esiste una lingua forbita e letteraria ma ogni paese ha una lingua colloquiale - racconta Teresi, durante la cerimonia di premiazione, parlando della lingua araba, per la prima volta presente al premio - La protagonista di questo romanzo è sicuramente la Tunisia nelle sue tante sfaccettature. Ghenim fa emergere una Tunisia più autentica con i conflitti ideologici e culturali che hanno animato il paese già dagli anni ‘30. Per questo ho trovato importante mettere in luce il dibattito pubblico sulla questione della donna con il grande protagonista “in absentia” Taher al Haddad che si è battuto per i diritti degli oppressi in senso ampio. L’autrice voleva rendergli omaggio perché tutte le donne tunisine hanno un debito nei suoi confronti. Questo è un romanzo femminista.

Premio ex aequo Giuria Tecnica a Tommaso Pincio, per la traduzione dall’inglese di “Cassa 19” di Claire-Louise Bennett pubblicato da Bompiani, “Questo è un libro ricchissimo, un libro di formazione, autobiografico, il racconto di come lei è diventata scrittrice, che rapporto ha con i libri, con le parole, con il leggere, a tutti i livelli a partire dal semplice girare la pagina racconta Pincio alla sua seconda finale - È un grande labirinto, ma con Bennett mi sono trovato a confrontarmi con una persona la cui testa funziona come la mia, ho trovato una affinità, mi sono trovato come a casa”.

Premio ex aequo Giuria Tecnica a Maurizia Balmelli, per la traduzione dall’inglese di “Il passeggero” di Cormac McCarthy edito da Einaudi, il testamento letterario di uno più grandi scrittori americani contemporanei insieme al successivo “Stella Maris”. “McCarthy sapeva che questi erano i suoi due ultimi libri – racconta con emozione Balmelli – e Il passeggero è una sorta di compendio del suo percorso artistico, è il libro in cui disvela la sua natura profonda di artista, un’arte che si coniuga alla mistica. La particolarità di questi due libri è che per la prima volta in 26 anni di carriera l’editore mi ha detto, puoi fare una pagina di ringraziamenti, perché ho avuto tanti consulenti”.

Il Comitato Tecnico-scientifico ha conferito il premio alla carriera 2024 a Riccardo Duranti premio già consegnato in occasione del Salone del libro di Torino, ma Duranti in collegamento ha portato un saluto ricordando un pensiero ispiratore del suo lavoro, una citazione che ha voluto condividere con i presenti, Se puoi bere alla fonte non bere alla brocca.

Premio Antonio Prenna a BookMarchs-L’altra voce, il primo festival marchigiano dedicato alla traduzione curato da Stella Sacchini che in collegamento ha ricordato alcuni dei progetti più importanti del festival tra questi Il traduttore in classe che ha dato vita anche a una collana editoriale, e Attraversamenti laboratori di traduzione con i migranti.

La settima edizione è stata possibile grazie al contributo di: Cantina Boccadigabbia, Masterkey Travel agenzia di viaggi, Falc, Scriptorama agenzia letteraria, Osteria La mangiatoia, Wall Street english, Caffè del Teatro Cerolini, e al sostegno di Hotel Dimorae, Pellegrini Garden, Valentina Verdini graphic designer, Arredamenti Maurizi.

Il Premio gode del patrocinio della Regione Marche e del Comune di Civitanova Marche.

Il Comitato promotore è composto da Federica Alessandri, Anna Maria Domenella, Maria Grazia Baiocco, Rosetta Martellini, Lorella Quintabà.

L’organizzazione generale è curata da La Fabrica Teatro.

Il Premio collabora con l’ISS Da Vinci di Civitanova Marche, il Museo Magma, e con le librerie From Outer Space, Ranieri, Ubik di Civitanova, Mondadori Point di Porto Sant’Elpidio, Nave Cervo di San Benedetto del Tronto, Fogola Fagola di Ancona, Universitaria Moderna di Urbino.

Il Premio Annibal Caro alla traduzione è gemellato con il Premio Caro Poeta nell’ambito del Festival “La parola che non muore” di Civita di Bagnoregio.

Il logo del premio è di Riccardo Ruggeri.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376 0316331 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”.
Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2024 alle 19:44 sul giornale del 08 giugno 2024 - 46 letture






qrcode