SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > POLITICA
comunicato stampa

Murri e Paglialunga: "A Civitanova si è ancora 'alla ricerca del Piano antenne perduto'"

3' di lettura
108

Abbiamo appreso in questi giorni di una pronuncia favorevole al Comune di Morrovalle, da parte del Tar Marche, contro un Ente gestore di telefonia che voleva installare un’antenna senza tenere conto del Regolamento adottato per il corretto insediamento degli impianti.

A Civitanova invece si è ancora “alla ricerca del Piano antenne perduto”.

Che fine ha fatto il Piano illustrato alla città nel luglio scorso, seppur nel corso di una poco pubblicizzata e poco partecipata assemblea, a cui erano presenti al massimo dieci cittadini?

Perché ancora non lo si presenta in Consiglio per l’approvazione, al fine di dare finalmente regolamentazione ad un tema che coinvolge la salute collettiva?

Eppure la storia parte da lontano. Già nel 2019 era dato incarico ad un professionista esterno, di procedere alla redazione di una bozza di Piano “con urgenza”. Ma bisognava attendere sino a maggio del 2022, per vedere pubblicata, con delibera di Giunta, una bozza di Regolamento, con il contestuale dichiarato intento di dare avvio al confronto partecipativo con tutte le parti coinvolte ai sensi della Legge regionale 12/2017.

Invece la pratica rimaneva nel cassetto, e solo in esito a diverse interrogazioni consiliari e sollecitazioni da parte della minoranza, veniva convocata e definita apposita Conferenza di servizi, e quindi presentata, nel luglio scorso, la bozza del Piano alla città.

A prescindere dalle procedure adottate, che vedono sempre una scarsa propensione al coinvolgimento della cittadinanza nella partecipazione alle scelte amministrative ed urbanistiche, ci si chiede perché a tutt’oggi ancora non sono state attivate le competenti commissioni consiliari e non vi è il minimo “odore” di presentazione della bozza di Piano al Consiglio comunale.

La città ha bisogno che venga regolamentato questo ambito, con l’ unico strumento in grado di mettere un freno alle richieste degli Enti gestori, che rispondono ad esclusive logiche di mercato, spesso in contrasto con la salute collettiva.

Se si protrarrà questa inerzia, la conseguenza sarà che continueranno a spuntare impianti nelle varie zone della nostra città, anche laddove i livelli di emissione delle onde elettromagnetiche sono vicini allo sforamento del limite massimo di tollerabilità, senza che i cittadini possano trovare risposte da questa amministrazione, come è già successo. Non fa testo il caso dell’antenna di Via Caracciolo, emerso in piena campagna elettorale dell’attuale Sindaco e quindi in una situazione eccezionale. L’eccezione che conferma la regola che la par condicio tra i residenti di Civitanova è ancora una chimera.

F.to Le consigliere comunali di minoranza

Letizia Murri (Gruppo consiliare Ascoltiamo la città) Mirella Paglialunga (Gruppo consiliare Per Civitanova)

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376 0316331 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”.
Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2024 alle 13:06 sul giornale del 20 febbraio 2024 - 108 letture






qrcode