SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > CRONACA
articolo

Incassa 300 mila euro di fondi covid per l'azienda, ma li usa per acquistare immobili e titoli finanziari: alla sbarra un civitanovese

2' di lettura
396

Nell’ambito del costante monitoraggio delle risorse finanziarie a valere sul bilancio dello Stato messe a disposizione nel corso dell’emergenza epidemiologica, i finanzieri della Compagnia di Civitanova Marche, al fine di prevenire e reprimere ogni condotta che potesse pregiudicare il corretto utilizzo delle erogazioni in parola, hanno approfondito la posizione di una srl risultata beneficiaria di un finanziamento bancario, ammontante a 300 mila euro, assistito da garanzia statale, e al contempo connotata da rilevanti elementi di criticità correlati alla sospetta operatività bancaria posta in essere dall’amministratore unico nonché legale rappresentante e socio di maggioranza, residente nel Comune di Civitanova Marche.

Dagli articolati approfondimenti di polizia valutaria, condotti nei riguardi dell’impresa attiva nel settore tessile e del suo amministratore, è emerso come quest’ultimo, ottenuto il succitato finanziamento garantito, lo abbia destinato per finalità estranee all’attività d’impresa, contrariamente a quanto imposto dalla specifica normativa, disponendo, dai conti societari, un bonifico a suo favore ammontante a 237.200 euro, giustificandolo con una causale correlata all’erogazione dei compensi previsti per il suo incarico di amministratore.

In realtà, dalla disamina del bilancio d’esercizio presentato con riguardo allo stesso periodo d’imposta, i militari hanno potuto rilevare, tra i costi sostenuti per l’esercizio dell’attività d’impresa, come la voce correlata ai compensi corrisposti all’amministratore recasse l’importo di 7.625 euro, nettamente in contrasto con quanto rilevato dai flussi finanziari societari.

Altresì, analizzando i rapporti di conto corrente dell’amministratore, le Fiamme Gialle hanno poi potuto constatare come il medesimo, ottenuti i fondi originariamente destinati all’impresa, abbia partecipato ad una procedura esecutiva immobiliare aggiudicandosi la proprietà di diversi immobili e terreni siti nella provincia di Ancona.

Alla luce del contesto sopra delineato, l’uomo è stato denunciato per il reato di malversazione a danno dello

Stato. Accogliendo l’ipotesi delittuosa formulata dalla Procura della Repubblica di Macerata, il gip presso il Tribunale di Macerata ha conseguentemente emesso il decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, anche in forma per equivalente, del profitto del reato ascritto all’amministratore, pari ad 237.200 euro. Sono stati così sottoposti a sequestro, nei confronti del responsabile, nove immobili siti nella provincia di Ancona e quattro rapporti finanziari.

Le operazioni di servizio si inseriscono nella più ampia azione condotta dal Corpo a tutela del bilancio nazionale, finalizzata a contrastare l’illecita apprensione di risorse destinate agli investimenti, che frena lo sviluppo del Paese.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereCivitanova oppure aggiungere il numero 376 0316331 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”.
Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.



Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2023 alle 11:44 sul giornale del 25 maggio 2023 - 396 letture






qrcode