Caso Asp Paolo Ricci, Murri e Paglialunga: "da noi nessun nome, servono competenze per posti così delicati"

3' di lettura 01/10/2022 - Mirella Paglialunga, capogruppo di Per Civitanova, e Letizia Murri, capogruppo di Ascoltiamo la città, all’esito del consiglio comunale di ieri sera, ribadiscono come sia di primario interesse cambiare le logiche dell’attuale politica, per dare spazio a sensibilità, esperienze e competenze specifiche sulle diverse problematiche dell’amministrazione della vita cittadina, per la promozione del bene comune.

Quello che è accaduto dimostra che sradicarsi dal vecchio modo di fare politica è invece impresa tutt’altro che semplice e sulle nomine del cda di un’azienda pubblica sui servizi alla persona, alle fragilità e alle disabilità come il Paolo Ricci, così fondamentale per la vita della città, ciò è emerso in tutta evidenza. La maggioranza non è riuscita a trovare la quadra sui nomi da proporre per le nomine e Forza Italia ha esordito in consiglio con una richiesta di rinvio che, se accolta, avrebbe potuto forse consentire di proseguire con la discussione sulle altre delibere da assumere, altrettanto importanti per la vita della città come, tanto per citarne alcune, l’approvazione del bilancio consolidato, l’accordo di programma per la realizzazione del ponte ciclopedonale, la questione Ceccotti. In tale coerenza, le scriventi hanno infatti votato a favore della richiesta di rinvio, poi rigettata dalla maggioranza del consiglio. Va da sé che quando i capigruppo di Fratelli d’Italia e di Forza Italia hanno dichiarato di voler abbandonare l’aula, si è condivisa la proposta del consigliere Yuri Rosati del Pd di non garantire il numero legale, data la diserzione di una parte consistente della maggioranza e quindi l’inopportunità di dar loro una spalla per la prosecuzione dei lavori dell’assemblea.

È doverosa la precisazione che le scriventi non avevano proposto alcun nome per la nomina del Paolo Ricci riconducibile alla lista Ascoltiamo la città e/o alla persona della ex candidata sindaca, ma avevano aderito pienamente al principio che non dovessero essere logiche di tipo partitico a farla da padrone, ma principi trasversali di professionalità e competenza specifici rispetto al delicato ambito amministrativo da gestire. Ciò in linea con gli intenti portati avanti durante la campagna elettorale, rispetto all’ambito sociale e all’importanza di un impegno politico volto a dare la dovuta rilevanza all’assistenza alle persone in condizioni di fragilità, in un’ottica collaborativa e solidale, al fine di ridurre le condizioni di bisogno. L’azienda Paolo Ricci rappresenta un importante veicolo per la realizzazione di obiettivi così nobili ma, a quanto pare, la politica civitanovese, segue ancora finalità di tipo personalistico e di convenienza.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

CittàWhatsappTelegram
Ancona350.0532033@VivereAncona
Ascoli353.4149022@VivereAscoli
Camerino340.8701339@VivereCamerino
Civitanova376.0316331@VivereCivitanova
Fabriano376.0081705@VivereFabriano
Fano350.5641864@VivereFano
Fermo351.8341319@VivereFermo
Jesi371.4821733@VivereJesi
Macerata328.6037088@VivereMacerata
Osimo320.7096249@VivereOsimo
Pesaro371.4439462@ViverePesaro
Recanati366.9926866@VivereRecanati
San Benedetto351.8386415@VivereSanBenedetto
Senigallia351.7275553@VivereSenigallia
Urbino371.4499877@VivereUrbino

Letizia Murri (Ascoltiamo la città)

Mirella Paglialunga (Per Civitanova)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2022 alle 17:52 sul giornale del 03 ottobre 2022 - 516 letture

In questo articolo si parla di politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dtbo





logoEV
logoEV