Fiabe in lingua dei segni, il progetto civitanovese presentato al Salone del Libro di Torino

3' di lettura 22/05/2022 - La città di Civitanova Marche è stata invitata dalla Gemma Edizioni al Salone Internazionale del libro di Torino, a presentare, presso la sala Viola, il proprio progetto pilota di fiabe accessibili. L’Assessorato all’infanzia e alla famiglia ha infatti voluto ampliare il progetto “Una città da favola” rendendo accessibili con la lingua dei segni e la comunicazione aumentativa le fiabe scritte dai bambini e ragazzi civitanovesi pubblicate.

È stata dunque legata l’iniziativa editoriale del volume cartaceo, che ha visto protagonisti come scrittori e illustratori i piccoli alunni delle città, con “Bookbox Civitanova” altra progettualità dell’Assessorato all’interno di “Civitanova Città con l’infanzia”, mirata all’inclusione dei ragazzi con disabilità e già attiva da circa tre anni in sinergia con l’associazione Anffas locale.

L’Anffas quindi ha realizzato cinque brevi video, di cui uno è stato proiettato a Torino, in cui in ogni filmato la storia viene, contemporaneamente, letta a voce, interpretata in lingua dei segni e trascritta con la comunicazione aumentativa. In tal modo, con l’unica modalità del video le fiabe sono accessibili nello stesso momento a bambini normodotati, sordi e a tutti coloro che hanno difficoltà nella lettura e comprensione del testo. La comunicazione aumentativa nella fattispecie è utile anche per bambini con autismo e sindrome di Dravet.

Nel pomeriggio dello scorso 19 maggio, l’iniziativa è stata presentata a Torino dall’assessore Barbara Capponi e dal rappresentante Anffas Simone Forani, ad una platea di amministratori e rappresentanti istituzionali provenienti da tutta Italia, scuole, alunni, imprenditoria, associazioni. Quanto presentato ha riscosso molto consenso e il plauso ottenuto è stato unanime, tanto da motivare diversi interlocutori a chiedere i contatti sia per avere accesso ai video che per avere informazioni sul progetto, in modo da poterlo replicare altrove. «Una grande soddisfazione, per tutta la città, che Civitanova possa da essere esempio e stimolo per una cultura sull’infanzia e l’accessibilità in modo concreto, con un progetto pilota realizzato lavorando in rete – hanno dichiarato Capponi e Forani – l’idea stessa di poter con un unico strumento coinvolgere tanti bambini con abilità diverse ci ha stimolato a ottenere un prodotto che potrà essere utile davvero a molti piccoli, e ci ha messo in contatto con molte realtà, creando quegli scambi virtuosi tanto importanti per la mentalità di tutti».

Per avere ogni informazione sui video e sul progetto è possibile contattare anffascivmarche@gmail.com oppure Simone Forani, referente dell’iniziativa, al numero 328 1664170.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

CittàWhatsappTelegram
Ancona350.0532033@VivereAncona
Ascoli353.4149022@VivereAscoli
Camerino340.8701339@VivereCamerino
Civitanova376.0316331@VivereCivitanova
Fabriano376.0081705@VivereFabriano
Fano350.5641864@VivereFano
Fermo351.8341319@VivereFermo
Jesi371.4821733@VivereJesi
Macerata328.6037088@VivereMacerata
Osimo320.7096249@VivereOsimo
Pesaro371.4439462@ViverePesaro
Recanati366.9926866@VivereRecanati
San Benedetto351.8386415@VivereSanBenedetto
Senigallia351.7275553@VivereSenigallia
Urbino371.4499877@VivereUrbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2022 alle 10:30 sul giornale del 23 maggio 2022 - 124 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c8yx





logoEV
logoEV