Le colline maceratesi stregano il pubblico del Giro nel giorno in cui Girmay fa la storia

3' di lettura 17/05/2022 - Una vittoria storica corona una tappa nel quale il Maceratese ha dato spettacolo in diretta mondiale. Col successo in volata dell’eritreo della Intermarché Biniam Girmay, primo africano a vincere una tappa al Giro d’Italia, è andata in archivio la decima frazione della corsa rosa, la Pescara-Jesi, che ha visto brillare la costa ma soprattutto le colline della provincia nella seconda parte della gara.

Dopo il drittone in pianura lungo la statale Adriatica del primo centinaio di chilometri, la carovana è arrivata a Civitanova accompagnata dalle immagini dall’alto dell’elicottero, che ha consegnato una splendida cartolina del litorale con vista sul Conero. Si sono presentati in tre all’appuntamento con lo sprint intermedio posizionato sul lungomare Piermanni: Mattia Bais è transitato per primo, precedendo i compagni di fuga Alessandro De Marchi e Lawrence Naesen, con il gruppo a oltre 4’.

La salita verso Civitanova Alta e poi da lì verso il Gran Premio della Montagna di Montecosaro, complice la splendida giornata di sole, ha dato modo a cameramen e macchine fotografiche di immortalare delle vere e proprie cartoline sulle sinuose colline marchigiane, con i telecronisti tanto della Rai quando di Discovery ad esaltarne la bellezza. Per la cronaca, sul Gpm è stato De Marchi a precedere i due compagni di fuga.

Dopo il veloce transito da Morrovalle (con il sindaco Andrea Staffolani in prima fila in strada all’incrocio con contrada Asola), fuggitivi e gruppo hanno proseguito toccando Montelupone e da lì verso Recanati per il secondo Gran Premio di Montagna della giornata. Lo strappo della scuola San Pietro ha fatto male sia ai fuggitivi che al gruppo, con i velocisti a perdere le ruote (su tutti un Mark Cavendish inquadrato in grande affanno sul tratto che vedeva salire la pendenza oltre al doppia cifra) e De Marchi, comunque, a passare per primo alle pendici del Colle dell’Infinito.

Da Recanati, passando per Montefano, la carovana ha salutato Michele Scarponi e il pappagallino Charly nella sua Filottrano, che ha accolto i ciclisti in un tripudio di palloncini rosa. Ma le emozioni hanno poi pensato i campioni a darle nel rush finale verso Jesi, con gli attacchi del favorito Mathieu Van Der Poel e il tentativo pure di Vincenzo Nibali. Ma oggi era la giornata della storia e Girmay ci ha messo la sua firma in calce.

A precedere i big ci aveva pensato, qualche ora prima, il gruppo del Giro-E, competizione per bici elettriche che corre parallela al Giro d’Italia. La partenza stamattina era fissata proprio da Civitanova, con arrivo a Jesi dopo aver viaggiato lungo le stesse strade della tappa. Tra i nomi alla partenza anche il sottosegretario allo sport Valentina Vezzali, l’ex campione del mondo Igor Astarloa e il vincitore di un Giro d’Italia Damiano Cunego. Alla partenza il sindaco Fabrizio Ciarapica e il suo omologo di Montecosaro Reano Malaisi.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

CittàWhatsappTelegram
Ancona350.0532033@VivereAncona
Ascoli353.4149022@VivereAscoli
Camerino340.8701339@VivereCamerino
Civitanova376.0316331@VivereCivitanova
Fabriano376.0081705@VivereFabriano
Fano350.5641864@VivereFano
Fermo351.8341319@VivereFermo
Jesi371.4821733@VivereJesi
Macerata328.6037088@VivereMacerata
Osimo320.7096249@VivereOsimo
Pesaro371.4439462@ViverePesaro
Recanati366.9926866@VivereRecanati
San Benedetto351.8386415@VivereSanBenedetto
Senigallia351.7275553@VivereSenigallia
Urbino371.4499877@VivereUrbino






Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2022 alle 18:08 sul giornale del 18 maggio 2022 - 423 letture

In questo articolo si parla di sport, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7SP





logoEV
logoEV