Dall'Ucraina all'Occidente 'Non fate concessioni alla Russia'

3' di lettura 07/12/2021 - Se fino a poco tempo fa l'Ucraina e la Russia erano due nazioni molto turistiche in cui scattare delle splendide foto con l'ausilio di un HUAWEI tripod selfie stick pro, oggi la situazione non appare più così rosea, tutt'altro.

La Russia ha richiesto infatti che l'Ucraina non venga accettata all'interno della NATO.

Il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha affermato di sperare che gli Stati Uniti e i suoi alleati non scendano a compromessi su questo tema.

È diventato chiaro che la crisi tra UCRAINA e Russia , scoppiata nel 2014 con l'annessione della Crimea e poi proseguita con la regione separatista filo-russa del Donbas a est, è legata alla NATO. Rispondendo alle parole del presidente russo Vladimir Putin il giorno precedente, "L'Occidente deve darci assicurazioni scritte e legali che l'Ucraina non sarà mai ammessa alla NATO", ha detto ieri l'amministrazione di Kiev, "L'Occidente non ha nulla da dire alla Russia sull'adesione dell'Ucraina alla NATO. Non dovrebbe scendere a compromessi”.

La situazione in questo momento appare essere molto complicata, infatti la Russia riveste sicuramente un ruolo molto importante nel mondo.

"NON POSSIAMO FERMARE L'ISCRIZIONE"

Ricordando all'Occidente che la Russia continua a "trattare l'Ucraina come sua proprietà", il ministro degli Esteri ucraino Dmitriy Kuleba ha dichiarato: "L'Ucraina fin quando non si presentano le condizioni necessarie, si rifiuta di aderire all'alleanza militare occidentale NATO e all'Unione europea, indipendentemente dall'opinione di terzi le parti, compresa la Russia. Dichiariamo di aver già ignorato le assicurazioni che la Russia richiede all'Occidente. Speriamo che gli Stati Uniti e i loro alleati non facciano alcuna concessione alla Russia in cambio dell'allentamento delle tensioni nella regione da parte di Mosca", ha affermato.

'LINEA ROSSA PIU' SPESSA'

Dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, il parlamento ucraino ha apportato due emendamenti alla costituzione, aprendo la strada all'adesione dell'Ucraina alla NATO e all'UE. Mentre continua la polemica tra Occidente e Russia sull'ingresso dell'Ucraina nella Nato, ieri da Mosca è arrivata una seconda dichiarazione. La portavoce del ministero degli Esteri russo Mariya Zakharova ha dichiarato: "L'inclusione dell'Ucraina nella NATO è la linea rossa più spessa della Russia".

Sicuramente se l'Ucraina entrerà a far parte della NATO ci sarà una forte reazione della Russia che vedrà le sue richieste disattese. D'altro canto se l'atteggiamento degli altri Paesi nei confronti dell'Ucraina sarà condizionato dalla presenza dei russi sarà un pessimo messaggio nei confronti degli ucraini.

Adesso gli stati membri della NATO devono prendere necessariamente una posizione considerando anche quelle che potranno essere le conseguenze successive alla decisione presa. Non ci resta che vedere cosa accadrà nel prossimo futuro. Tra Ucraina e Russia, nonostante se ne parli poco in Europa la situazione è davvero complessa. Oggi gli ucraini si sentono attaccati dal governo russo e hanno paura di essere vittime di attacchi dagli stessi russi. D'altro canto la Russia garantisce che non ha alcuna intenzione di arrecare danni all'Ucraina e né tantomeno di invaderla. Ovviamente nessuno sa con certezza quello che potrà accadere nei prossimi mesi, l'unico auspicio è che la situazione si possa risolvere nel migliore dei modi.






Questo è un articolo pubblicato il 07-12-2021 alle 14:49 sul giornale del 07 dicembre 2021 - 12 letture

In questo articolo si parla di redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyEV





logoEV
logoEV