Il doppio no civitanovese alla violenza sulle donne

4' di lettura 25/11/2021 - Due panchine rosse davanti a due simboli della città: la biblioteca, la casa di quella cultura che manca quando subentra la violenza, e l’ospedale, il luogo deputato alla cura di coloro che della violenza subiscono le conseguenze. Civitanova ha celebrato così la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Due distinte cerimonie a breve distanza fisica e temporale una dall’altra, un’occasione persa di unire e rendere più forte un messaggio che è unitario: non è tollerabile che ogni anno centinaia, migliaia di donne finiscano per essere vittime di coloro che dovrebbero amarle. Anche a Civitanova, come nel resto d’Italia, del mondo.

Alle 12 l’amministrazione comunale si è radunata in piazzale Cecchetti. La panchina centrale del parchetto, quella proprio di fronte all’attraversamento pedonale davanti all’ingresso della biblioteca, è stata colorata di rosso proprio stamattina e sullo schienale è stata affissa una targa: «Questa panchina rossa, colore del sangue, è il simbolo del posto occupato da una donna che non c’è più, portata via dalla violenza». E subito di fianco il numero antiviolenza: 1522. «Anche Civitanova vuole lanciare un messaggio – ha detto il sindaco Fabrizio Ciarapica, affiancato dagli assessori Barbara Capponi e Roberta Belletti e dal presidente del consiglio Claudio Morresi – e riflettere su tutte le donne che non ci sono più, vittime di violenze inaudite come madri, figlie, sorelle, compagne. Anche Civitanova ha conosciuto delitti efferati causati da questi drammi. Ricordo il caso di Maria Pia Bigoni, che fu uccisa dal marito ormai otto anni fa, o quello della ragazza che tre anni fa fu colpita con l’acido dall’ex fidanzato. È un problema molto diffuso, serve un impegno da parte di tutti a promuovere la giusta cultura su questo tema a partire dalle generazioni più giovani».

Alle 12.30, invece, è stata svelata la panchina rossa donata dall’Ordine delle ostetriche di Macerata, posizionata a due passi dall’ingresso principale dell’ospedale cittadino. Alla cerimonia hanno presenziato la direttrice dell’Area Vasta 3 Daniela Corsi, medici e infermieri del nosocomio ma anche il commissario capo della Polizia di Civitanova Fabio Mazza e la consigliera regionale Elena Leonardi. Un momento molto toccante, impreziosito dal racconto di alcune storie di violenza finite con la morte della vittima e la lettura del testo del “La canzone di Marinella” di Fabrizio De Andrè, ispirata a un fatto di cronaca realmente accaduto negli anni Cinquanta. Un’iniziativa che ci dà modo di lanciare un messaggio a quelle donne che non lo sanno ancora: arrivare in pronto soccorso non vuol dire mescolarsi a tutti gli altri pazienti, per le violenze di questo tipo c’è un percorso dedicato che può essere il punto di partenza per iniziare a voltare pagina e lasciarsi alle spalle un incubo che nessuna donna merita di vivere sulla sua pelle.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

Città

Whatsapp

Telegram

Ancona

350.0532033

@VivereAncona

Ascoli

353.4149022

@VivereAscoli

Camerino

340.8701339

@VivereCamerino

Civitanova

348.7699158

@VivereCivitanova

Fabriano

376.0081705

@VivereFabriano

Fano

350.5641864

@VivereFano

Fermo

351.8341319

@VivereFermo

Jesi

371.4821733

@VivereJesi

Macerata

328.6037088

@VivereMacerata

Osimo

320.7096249

@VivereOsimo

Pesaro

371.4439462

@ViverePesaro

Recanati

366.9926866

@VivereRecanati

San Benedetto

351.8386415

@VivereSanBenedetto

Senigallia

351.7275553

@VivereSenigallia

Urbino

371.4499877

@VivereUrbino








Questo è un articolo pubblicato il 25-11-2021 alle 14:48 sul giornale del 26 novembre 2021 - 400 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cwmd





logoEV