Motor Days, Silenzi contro Zampaloni: "Ha fatto un buco nell'acqua, la legittimità degli atti comunali non le decide lui"

4' di lettura 24/10/2021 - Danilo Zampaloni, patron degli International Motor Days, deve fare lo sforzo di leggere meglio gli articoli e soprattutto deve imparare a rispettare il lavoro dei consiglieri comunali perché le nostre contestazioni riguardano gli atti emessi dal Comune per i Motor Days, che in due anni ha generato una spesa rilevantissima a carico del bilancio pubblico, ben 234 mila euro.

Quindi, si rassegni Zampaloni se esponenti consiliari chiedono chiarezza e trasparenza su come vengono utilizzati i danari dei civitanovesi, peraltro obbligati a pagare il biglietto di ingresso a un evento lautamente sostenuto con i soldi delle loro tasse.

Nell’esposto in questione infatti non c’entra nulla la società organizzatrice, perché non è essa l’oggetto del ricorso inviato alla Corte dei Conti e all’Anac e solo per conoscenza alla Prefettura e alla Procura della Repubblica.

Contestiamo gli atti comunali: la delibera di indirizzo votata dalla giunta che individua, e non può farlo, fornitori e importi per lo svolgimento della manifestazione, contestiamo l’assenza di un contratto tra il Comune e il privato che regoli gli aspetti giuridico-economici dell’evento, il fatto che in delibera non sia specificato l’importo dell’eventuale contributo regionale, l’assenza del principio di rotazione dei fornitori del Comune, la scelta di concedere un contributo comunale ‘a corpo’ ovvero senza dettagliata e documentata rendicontazione delle spese e, dulcis in fundo, contestiamo pure che l’ammontare del contributo - come è scritto negli atti - sia stato concordato dopo una riunione tra amministratori comunali e lo stesso Zampaloni.

Questa attività di controllo della legittimità dei procedimenti amministravi si chiama democrazia e la eserciteremo ricorrendo agli enti preposti. Zampaloni se ne faccia una ragione. Se gli atti del Comune sono in regola non lo stabilisce lui, ma la Corte dei Conti e l’Anac, se tutti quei soldi spesi per un evento sono una cosa giusta o meno lo giudicheranno i cittadini.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

Città

Whatsapp

Telegram

Ancona

350.0532033

@VivereAncona

Ascoli

353.4149022

@VivereAscoli

Camerino

340.8701339

@VivereCamerino

Civitanova

348.7699158

@VivereCivitanova

Fabriano

376.0081705

@VivereFabriano

Fano

350.5641864

@VivereFano

Fermo

351.8341319

@VivereFermo

Jesi

371.4821733

@VivereJesi

Macerata

328.6037088

@VivereMacerata

Osimo

320.7096249

@VivereOsimo

Pesaro

371.4439462

@ViverePesaro

Recanati

366.9926866

@VivereRecanati

San Benedetto

351.8386415

@VivereSanBenedetto

Senigallia

351.7275553

@VivereSenigallia

Urbino

371.4499877

@VivereUrbino


Giulio Silenzi (PD)

Stefano Mei (Movimento 5 Stelle)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2021 alle 11:38 sul giornale del 25 ottobre 2021 - 180 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cqbx





logoEV
logoEV