Morrovalle: ma quanto costa il nuovo polo scolastico? Cura e Partecipazione sfida ViviAmo Morrovalle, "un confronto pubblico per fare chiarezza"

7' di lettura 22/09/2021 - Il gruppo civico Cura e Partecipazione ha ascoltato con attenzione la replica della lista ViviAmo Morrovalle, relativa ai costi del nuovo plesso scolastico in realizzazione a Borgo Pintura, attraverso un contratto stipulato con l’Inail. A tal proposito, dispiace constatare che siano state comunicate ai cittadini di Morrovalle cifre errate, lontane dalla realtà dei fatti.

In una nota pubblicata dalla lista ViviAmo Morrovalle si legge che «la scuola costa 6.475.000 euro e non 8,5 milioni come viene detto: la rata quindi non è affatto quella indicata dai detrattori del polo». Relativamente a questa affermazione, si rilevano almeno due dati fantasiosi.

Il primo consiste nell’apprendere che, secondo la lista ViviAmo Morrovalle, Cura e Partecipazione sarebbe contraria alla realizzazione dell’opera. «In realtà, nessuno all’interno del gruppo ha mai osteggiato la costruzione del nuovo polo scolastico, a cui siamo sempre stati favorevoli – sottolinea Alessandro Capozucca – candidato consigliere comunale e già direttore dell’Inps di Fermo – si espongono piuttosto le incongruenze fra le cifre che il Comune si troverà a dover pagare e il costo che la lista ViviAmo Morrovalle afferma di dover sostenere, mentendo alla cittadinanza.

Il secondo dato da smentire riguarda proprio le cifre reali che il Comune dovrà pagare per la realizzazione della scuola a Borgo Pintura. «Dire che la spesa per il plesso ammonterà 6.475.000 euro significa considerare tra i costi soltanto il valore dell’aggiudicazione del bando, l’importo del terreno ceduto all’Inail e il rimborso delle spese progettuali dovute all’Erap di Macerata, fingendo che tutti i restanti lavori e prestazioni dei professionisti durante e dopo la realizzazione del polo scolastico siano gratuite. Un’affermazione che rasenta il grottesco – prosegue Capozucca – il reale valore del progetto, come affermato dalla delibera n.19 del 6 marzo 2020, è di quasi 6 milioni e 250 mila euro per le opere in appalto e di circa 2 milioni e 300 mila euro per le somme a disposizione. Fatte le dovute correzioni ad alcuni errori di calcolo contenuti nella delibera, quindi l’importo esatto del progetto è di oltre 8 milioni e 600 mila euro».

Alla già enorme somma che il Comune dovrà pagare per la realizzazione del progetto, si aggiungono condizioni contrattuali altrettanto penalizzanti. «Il canone di affitto viene calcolato con un tasso del 3%, ben superiore rispetto a quello a cui viaggiano mediamente i mutui oggi – segnala Rosaria Garbuglia, candidata del gruppo e presidente dell’Ordine dei commercialisti di Macerata e Camerino – inoltre, il contratto prevede l’adeguamento Istat al 75% del canone. Il che, in uno scenario di ripresa economica e conseguente aumento dell’inflazione, come quello che stiamo vivendo, andrà a gravare ulteriormente sulle rate a carico del Comune».

La situazione reale, dunque, è la seguente: il Comune si troverà a pagare per 18 anni una rata annuale pari o superiore a 300 mila euro all’anno, per un ammontare complessivo di oltre 6 milioni di euro. Al termine di questo periodo, avrà soltanto il diritto di prelazione da parte dell’Inail in caso di vendita, ma nessun diritto di riscatto. Ovviamente, affinché l’Inail stessa abbia un ritorno almeno pari all’investimento sostenuto, il Comune potrà acquistare la proprietà del polo scolastico soltanto se pagherà gli 8 milioni e 600 mila euro iniziali. Sommando le due cifre, si arriva quindi a un totale oltre 14 milioni di euro.

Nella nota pubblicata da ViviAmo Morrovalle, si legge che «un mutuo di 6,5 milioni di euro non poteva essere preso all’epoca per i limiti di legge imposti dallo Stato. Senza la soluzione Inail, adottata da migliaia di Comuni in Italia, la scuola dunque non sarebbe stata realizzata». Ancora una volta, affermazioni lontane dalla realtà. «Nel 2016, quando fu valutato per la prima volta il bando Inail, vigeva ancora il patto di stabilità, che impediva al Comune di accendere normali mutui per somme così importanti. Tuttavia – specifica Capozucca – da quel momento alla firma del contratto sono trascorsi circa quattro anni: il contratto è stato infatti firmato a marzo 2020. Un periodo lunghissimo, durante cui il patto di stabilità è stato sospeso causa Covid e nel corso del quale sono cambiate le condizioni economiche e i tassi di interesse dei mutui si sono drasticamente abbassati. Un’amministrazione attenta avrebbe dovuto cogliere la diversità del quadro economico e prendere altre strade per realizzare la scuola».

Date le condizioni appena descritte, è evidente che il Comune si trova in una situazione estremamente delicata, da affrontare al più presto con l’Inail, ente committente del contratto. «È necessario incontrare l’istituto e cercare di ridiscutere le condizioni del contratto, che, così strutturato, rischia di paralizzare il bilancio del Comune per parecchi anni – sottolineano Garbuglia e Capozucca – Cura e Partecipazione si impegnerà da subito per provare a migliorare le clausole del contratto e renderlo meno pesante per le casse di Morrovalle».

Quanto alla questione relativa al costo reale della nuova scuola, Cura e Partecipazione invita la lista ViviAmo Morrovalle a discutere in maniera seria e non propagandistica delle cifre del progetto prima delle elezioni comunali, alla presenza di un professionista indipendente, che possa moderare il confronto.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

Città

Whatsapp

Telegram

Ancona

350.0532033

@VivereAncona

Ascoli

353.4149022

@VivereAscoli

Camerino

340.8701339

@VivereCamerino

Civitanova

348.7699158

@VivereCivitanova

Fabriano

376.0081705

@VivereFabriano

Fano

350.5641864

@VivereFano

Fermo

351.8341319

@VivereFermo

Jesi

371.4821733

@VivereJesi

Macerata

328.6037088

@VivereMacerata

Osimo

320.7096249

@VivereOsimo

Pesaro

371.4439462

@ViverePesaro

Recanati

366.9926866

@VivereRecanati

San Benedetto

351.8386415

@VivereSanBenedetto

Senigallia

351.7275553

@VivereSenigallia

Urbino

371.4499877

@VivereUrbino






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2021 alle 17:09 sul giornale del 23 settembre 2021 - 571 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ckzZ





logoEV
logoEV