Sport e periferie, Civitanova e Montecosaro ce la fanno: fondi per la palestra per il judo e i campi da tennis

Sport generico 3' di lettura 15/09/2021 - Obiettivo centrato per i Comuni di Civitanova e Montecosaro per quanto riguarda il bando Sport e Periferie 2020. Il Governo ha pubblicato la graduatoria delle oltre 3.300 domande pervenute da tutta Italia per attingere ai 140 milioni di euro stanziati per riqualificazioni o realizzazioni di strutture sportive.

Civitanova entra in classifica ricevendo 700 mila euro (il massimo possibile) per la realizzazione di una struttura al coperto da dedicare a judo e karate nello spazio tra la Fiera (oggi Covid Hospital) e l’Eurosuole Forum. Il progetto era stato approvato in fretta e furia un anno fa, proprio alla vigilia della scadenza per la presentazione dei progetti per il bando, e aveva fatto arricciare più di qualche naso. Ma ora, con il via libera del Governo, ci sono anche i fondi a disposizione, visto che i 700 mila euro andranno a coprire gran parte dei 930 mila necessari per la realizzazione dell’opera.

Ma ha fatto centro anche il Comune di Montecosaro, che si vede assegnare 350 mila euro per la ristrutturazione dei campi da tennis in via Circonvallazione, ovvero la quasi totalità dei 400 mila euro di valore del progetto che era stato redatto un anno fa. Il Comune dovrà quindi aggiungerci di tasca propria solo 50 mila euro. Restando a Montecosaro, invece, niente da fare per la asd Tiro a Volo Castellano: bocciato il progetto di riqualificazione della struttura.

Triplo buco nell’acqua invece a Potenza Picena. Il progetto del Tennis Club Porto Potenza non è stato ritenuto conforme alle prescrizioni del bando, mentre quelli dell’Hockey Potenza Picena per l’impianto di San Girio e del Porto Potenza Calcio per il campo sportivo comunale non rispettavano alcuni aspetti tecnici a seguito dell’istruttoria tecnico-amministrativa.

Non ce la fa neanche la Bocciofila Morrovallese, che aveva proposto un piano di riqualificazione per lo stabile di via Liguria: non ammesso a finanziamento neanche questo.

Complessivamente alle Marche sono stati destinati 11.009.688,65 euro, una cifra importante di cui beneficeranno 18 Comuni del territorio, una federazione e una società sportiva. Palpabile la soddisfazione del numero uno del Coni regionale, Fabio Luna: «Questo tipo di finanziamenti è linfa vitale per il movimento sportivo marchigiano perché, ai fini della crescita e dell'avviamento allo sport dei più giovani, servono prima di tutto impianti sicuri ed efficienti. Voglio sottolineare inoltre che la cifra è considerevole poiché i criteri di assegnazione prevedevano più aiuti per le regioni del Mezzogiorno, lasciando a quelle del Centro-Nord circa 68milioni di euro. In questo raggruppamento le Marche si posizionano al secondo posto, dietro al Lazio, per l’importo complessivo ricevuto. Ringrazio i Comuni delle Marche per la sensibilità verso il tema dell’impiantistica sportiva, tale risultato è il frutto della loro passione per lo sport e del lavoro di squadra».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un articolo pubblicato il 15-09-2021 alle 11:48 sul giornale del 16 settembre 2021 - 254 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cjiR