Potenza Picena: una cabina di regia Regione-ingegneri, protocollo siglato all'auditorium Scarfiotti

4' di lettura 19/07/2021 - Si è tenuta il 16 luglio nella splendida cornice dell’ex chiesa di Sant’Agostino di Potenza Picena, ora auditorium Ferdinando Scarfiotti, l’assemblea 2021 di Feding Marche. L’assemblea annuale è il più importante momento di confronto tra i consiglieri dei cinque Ordini degli Ingegneri delle province marchigiane che insieme costituiscono la Federazione Regionale.

Quest’occasione ha rivestito una particolare importanza perché è stata l’ultima riunione plenaria prima della scadenza del mandato elettivo 2017-2021. La sessione è stata aperta dall’assessore ai lavori pubblici del Comune di Potenza Picena, Luisa Isidori, che ha portato i saluti del sindaco e ha ringraziato per aver scelto di tenere l’assemblea di Feding Marche nella dell’ex convento agostiniano, che normalmente ospita le sedute del Consiglio Comunale.

A dar ulteriore rilevanza all’evento, la presenza delle massime cariche delle Istituzioni marchigiane, Francesco Acquaroli, presidente della Giunta Regionale e Dino Latini, presidente del Consiglio Regionale. Sul tavolo dei relatori si sono succeduti anche l’assessore regionale alle infrastrutture Francesco Baldelli, l’assessore regionale al Bilancio Guido Castelli e il consigliere regionale Carlo Ciccioli.

Gli ospiti sono stati introdotti dal presidente di Federazione Ordini Ingegneri Marche Massimo Conti, che ha ceduto la parola a Raffaele Solustri, rappresentante marchigiano in seno al Consiglio Nazionale Ingegneri. Quest’ultimo ha ringraziato la Giunta e il Consiglio per la disponibilità dimostrata, riconoscendo che mai come ora c’è stata interlocuzione continua con la governance della Regione Marche.

Proprio da questo costante confronto è nato l’importante protocollo d’intesa tra Regione e Feding Marche, sottoscritto nell’occasione tra Acquaroli e Conti. Con la firma di questo accordo si è voluta creare una cabina di regia e un coordinamento delle molteplici attività che coinvolgono gli ordini professionali degli ingegneri, sia in sedi istituzionali sia in tavoli volontari, finalizzato al supporto e all’attuazione delle politiche e delle azioni regionali. Per il presidente Conti si tratta di «un grande patrimonio di competenze che Feding mette a disposizione, fornendo ai vari dipartimenti regionali i cosiddetti ingegneri di marca per far sì che le Marche tornino finalmente a volare».

Dopo gli interventi degli ospiti istituzionali, Conti ha aperto i lavori dell’Assemblea plenaria relazionando sulle Missioni 2021 della Federazione. Nel corso dell’anno sono stati stilati protocolli d’intesa con Agenzia Entrate regionale, Arpam e Regione Marche. Tutti i presidenti degli ordini territoriali sono stati impegnati nei tavoli regionali. Feding ha partecipato al comitato d’indirizzo per le politiche europee Por Fesr 2021-2027, insieme a Confindustria, agli atenei marchigiani e alle associazioni datoriali. È stato redatto un regolamento di disciplina da applicare a livello provinciale. Si è inaugurato un tavolo tecnico sull’Ict, che ha permesso un costante confronto con il vicepresidente della Giunta Mirco Carloni. È stato redatto un capitolo specifico per le opere dell’Ingegneria dell’Informazione e della Transizione Digitale, già inserito nel Prezzario Regionale Marche delle Opere Pubbliche 2021. Inoltre, è stato previsto l’inserimento nel Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (Mepa) dei servizi professionali di ingegneria informatica e telecomunicazioni. Sono state stipulate convenzioni per corsi di alta formazione con partner primari internazionali. C’è stato un confronto costante con l’assessorato all’urbanistica che ha richiesto di scrivere insieme alle Professioni Tecniche la nuova legge urbanistica regionale. L’attività formativa non si è mai interrotta e sono stati organizzati corsi online su: Abilitazione Sicurezza, Abilitazione Acustica e Isolamento Sismico. Conti ha poi ricordato, non nascondendo una certa commozione, come nel periodo più difficile dell’emergenza Covid, la Federazione abbia donato 7.500 euro di dispositivi di protezione individuale ai medici impegnati nella lotta contro la pandemia. Infine, sono state deliberate due borse di studio per approfondimenti scientifici, da destinare a studenti meritevoli della Politecnica delle Marche e dell’Università di Camerino.

Il tesoriere Alberto Paradisi ha, quindi, illustrato i bilanci preventivo e consuntivo, che sono stati approvati all’unanimità dei presenti.

La chiusura dei lavori è stata affidata al consigliere CNI Solustri, che ha dato atto che la Federazione Ingegneri Marche è una delle realtà più attive di tutta Italia e sarebbe importante che il futuro Consiglio garantisse continuità con le azioni intraprese in questi ultimi anni. Ha poi ricordato che il Consiglio Nazionale scade a dicembre, auspicando che le Marche possano continuare ad avere una rappresentanza ai massimi livelli.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2021 alle 09:59 sul giornale del 20 luglio 2021 - 353 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ca3a





logoEV
logoEV