"Due milioni di fondi covid ancora nelle casse comunali, perché il Comune non li spende?", l'affondo di Silenzi

3' di lettura 14/06/2021 - Il Comune di Civitanova non distribuisce alle famiglie bisognose 2 milioni di euro dei fondi covid che lo Stato ha stanziato dallo scorso novembre per superare l’emergenza sanitaria ed economica.

In città quasi 1.300 famiglie sono rientrate nei criteri della nuova povertà e le abbiamo viste, mesi fa davanti al Comune, costrette alle scandalose file a cui le ha sottoposte il Comune per ricevere i contributi del fondo alimentare. Lo Stato ha girato milioni di euro al Comune per fare fronte a queste situazioni, ma la giunta non ha erogato tutti i contributi che ha incassato a chi è in difficoltà. Nessuno ne parla eppure è tutto nel bilancio Consuntivo del 2020 che in questi giorni è stato pubblicato nel sito del Comune. Quello che emerge dagli atti è incredibile.

Nelle tabelle allegate nella delibera della giunta (la numero 227 del 31.05.2021) è possibile verificare che alla voce Fondo per le Funzioni fondamentali (ristori, Imu, spese per l’emergenza e altro) figurano stanziati 4.113.982 euro, ma nel 2020 la giunta ne ha spesi neanche 2.000.000. Soldi che sono rimasti nelle casse dell’ente. Ammontano a 2.116.450 euro le risorse vincolate per gli aiuti covid che la giunta Ciarapica non è stata capace di spendere e di distribuire ai soggetti bisognosi. Mi chiedo che cosa stiano aspettando. Hanno agli atti le graduatorie delle famiglie e di altre categorie in stato di difficoltà, quindi non c’è altro tempo da perdere: queste somme vanno utilizzate per aiutare chi sta soffrendo. Come si può pensare di tenere sei mesi ferme in cassa risorse per oltre 2 milioni di euro, oltretutto soldi che il Comune ha incassato dallo Stato e che sono vincolati all’emergenza covid? Che il Comune non li abbia ancora spesi è un fatto immorale. Al sindaco e all’assessore ai servizi sociali Barbara Capponi dico di muoversi perché questo comportamento è ingiustificabile soprattutto alla luce della fretta con cui invece la giunta impegna somme che vanno a finanziare spese allegre, incarichi e consulenze private, giochi e cotillon.

Forse il sindaco sarà più interessato a sognare il porto Dubai e a parlare di yacht e movida, ma a Civitanova c’è pure una realtà fatta di famiglie e attività che faticano a tirare avanti e che hanno il diritto di essere aiutate con i soldi che lo Stato ha stanziato per loro. Ed è inaccettabile che nel Comune di Civitanova, nel regno del “noi sappiamo come fare”, ci siano amministratori incapaci di usare quei fondi che sono dei civitanovesi e per i civitanovesi.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-06-2021 alle 09:57 sul giornale del 15 giugno 2021 - 165 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7cA





logoEV
logoEV