Potenza Picena: vittime delle "Marocchinate", una cerimonia al Monumento ai caduti

2' di lettura 18/05/2021 - Si è tenuta anche a Porto Potenza, di fronte al Monumento ai Caduti di tutte le Guerre, una breve ma significativa iniziativa in occasione della prima edizione della Giornata Nazionale in Memoria delle Vittime delle Marocchinate.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, a cui un gruppo di cittadini ha deciso di aderire unitamente all’assessore alla cultura Tommaso Ruffini, vuole ricordare le donne e gli uomini che, nel 1943-1944, subirono le violenze perpetrate dalle truppe coloniali francesi, passate alla storia come “marocchinate”. Furono moltissimi i Comuni italiani colpiti.

Infatti, le violenze da parte dei magrebini francesi contro i civili italiani iniziarono con lo sbarco in Sicilia nel luglio del 1943, proseguirono in Campania, nelle provincie laziali di Frosinone, Latina, Roma e Viterbo, in Toscana nel senese, nel Grossetano e sull’isola d’Elba, per terminare alle porte di Firenze nel luglio del 1944. «Una tragedia che è stata tenuta per troppi anni sotto silenzio – ha dichiarato il presidente nazionale Anvm, Emiliano Ciotti – con questa manifestazione intendiamo riportare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle amministrazioni comunali su vicende che non possono essere dimenticate».

In ottemperanza con le normative vigenti anticovid è stata predisposta una partecipazione contenuta ed è stato deposto, su di un luogo altamente significativo come il Monumento ai Caduti per la Patria, un mazzo di fiori con un drappo tricolore. «Chiederemo alle amministrazioni Comunali – conclude Ciotti – di intitolare vie e piazze alle Vittime delle Marocchinate e al Parlamento di approvare una legge che istituisca ufficialmente la Giornata in memoria delle donne e degli uomini italiani violati selvaggiamente dai coloniali francesi».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2021 alle 12:59 sul giornale del 19 maggio 2021 - 149 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b3vX