Mascherine bloccate in dogana, il Tar chiude la partita: ricorso improcedibile, l'azienda rimborsata già a luglio

2' di lettura 22/04/2021 - Aveva fatto scalpore, un anno fa di questi tempi, il caso delle 315 mila mascherine importate dalla Cina dalla Al.Si. srl, impresa di import-export di Fermo, che furono requisiti alla dogana di Civitanova per volontà dell’allora commissario straordinario Arcuri. Qualche giorno fa il Tar ha messo la parola fine sul caso.

Il titolare dell’azienda, infatti, aveva presentato ricorso perché riteneva illegittimo quell’atto, atto che impediva all’azienda di rifornire sia alcune farmacie marchigiane che, addirittura, il Senato. Il 20 aprile il tribunale amministrativo si è pronunciato per chiudere la partita, dichiarando il ricorso improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse da parte del ricorrente. L’azienda, infatti, aveva ricevuto in data 13 luglio 2020 la liquidazione dell’indennità di requisizione da parte dello Stato con la quale veniva rimborsata dall’investimento effettuato e quindi non c’era più motivo di procedere con la causa.

Tutto è bene ciò che finisce bene, insomma, ma all’epoca la questione sollevò un vespaio di polemiche anche a livello nazionale. Eravamo ai primi di maggio (il sequestro venne effettuato il 5 maggio), le mascherine scarseggiavano ed erano quindi al centro del dibattito a tutti i livelli. Il leader della Lega Matteo Salvini svelò che requisizioni come quella di Civitanova servivano sì a rifornire la Protezione Civile, ma al prezzo di lasciare sguarnite le farmacie. Il deputato potentino del Pd Mario Morgoni precisò che gli uffici del Commissario Straordinario per l'emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, dall'inizio dell'emergenza requisivano tutti i dispositivi e le attrezzature necessarie al contrasto dell'emergenza covid 19 importati nel nostro Paese da soggetti diversi da quelli preposti alla gestione dell'emergenza stessa. Gli importatori privati che malgrado l'emergenza provavano a far arrivare in Italia questi dispositivi a fini commerciali venivano quindi stoppati alla dogana.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un articolo pubblicato il 22-04-2021 alle 18:10 sul giornale del 23 aprile 2021 - 321 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bYY4





logoEV