Montecosaro: Roberto Acquaroli è l'hair stylist del nuovo film dei Manetti Bros "Io e Spotty"

3' di lettura 15/04/2021 - Roberto Acquaroli, parrucchiere e tricologo, continua a mettere le sue mani sui capelli di attori, artisti e personaggi del mondo dello spettacolo, cinema, teatro e lirica. Anche in questo periodo dove tutto sembra sospeso dal covid-19, la sua fama di acconciatore lo porta in giro per set cinematografici.

L’ultimo lavoro, terminato da poco, lo ha condotto dietro le quinte del nuovo lavoro dei Mannetti Bross “Io e Spotty”, la nuova produzione Mompracem, con la regia di Cosimo Gomez. Il film è stato girato in un mega attico di Bologna con un cast molto selezionato. «Ho dovuto lavorare da solo a causa della pandemia – racconta Acquaroli – sul set poteva starci solo chi lavorava. Quando si è girato in notturna, sono arrivati i controlli per assembramento e coprifuoco, ma era tutto in regola e c’erano tutti i permessi».

L’hair stylist e formatore coiffeur marchigiano ha curato l’acconciatura della mitica Paola Minaccioni. «Lungi da essere banale, questa ragazza romanesca emana una semplicità dietro la quale si nasconde una qualità comica palpabile – continua Acquaroli – volto televisivo, ancor prima che cinematografico è nota al grande pubblico per la sua comicità. Ho avuto il piacere di pettinare l’attrice Michela De Rossi, già apprezzata interprete in “The Many Saints of Newark” (2020), “La terra dell’abbastanza” (2018) e “I topi (2018)”, e il giovane Filippo Scotti, che ha al suo attivo tanto teatro, cortometraggi, film e televisione».

Durante il Festival del Cinema di Venezia è stato in laguna per stringere nuove collaborazioni nel mondo dello spettacolo. L’hair stylist che vuole essere al passo con i tempi non si occupa solo di passerelle e servizi fotografici. La figura del parrucchiere è molto importante anche nelle produzioni cinematografiche e teatrali. Acquaroli, che ha iniziato da piccolo in un salone di Trodica di Morrovalle da tempo è responsabile del trucco di molti eventi nazionali ed internazionali di lirica, di produzioni cinematografiche e spettacoli in generale. Inoltre ha curato l’apertura di prestigiosi saloni di bellezza all’estero. «Fare l’hairstylist per cinema e teatro richiede una grande conoscenza storica e costumistica – spiega Acquaroli – inoltre, alla propria abilità, va unita una grande empatia per poter rendere reale ciò che registi e costumisti immaginano. Ciò non significa tradurlo necessariamente con un’acconciatura storica, quanto piuttosto trasmettere attraverso l’immagine del capello una specifica sensazione allo spettatore, significa entrare in un mondo parallelo a quello della moda, dove non conta la tendenza, bensì ricostruire la realtà del quotidiano. È necessario fare ricerca per ricostruire uno storico: sia nel cinema sia nel teatro è utile studiare l’opera e imparare a caratterizzare i vari personaggi anche attraverso i capelli».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/


da Redazione Vivere Civitanova
redazione@viverecivitanova.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2021 alle 10:37 sul giornale del 16 aprile 2021 - 431 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXBg





logoEV