Interpellanza del Partito Democratico sulle dichiarazioni del consigliere Carlo Ciccioli

5' di lettura 28/01/2021 - In merito alle dichiarazioni del Presidente del Gruppo assembleare Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli durante la seduta dell'Assemblea Legislativa del 26 gennaio 2021, si trasmette in allegato il testo dell'interpellanza presentata dal gruppo assembleare del Partito Democratico, a prima firma del consigliere Romano Carancini.

Premesso che:

- nella seduta n. 12 del 26.01.2021 della XI Legislatura del Consiglio regionale è stata discussa la mozione n. 27 presentata in data 15 dicembre 2020 ad iniziativa dei Consiglieri Bora, Mangialardi, Biancani, Carancini, Casini, Cesetti,Mastrovincenzo, Vitri, Santarelli avente ad oggetto “Effettività dei diritti di scelta da parte delle donne in relazione all'interruzione volontaria digravidanza (IVG) garantiti dalla legge 22 maggio 1978, n. 194 nella Regione Marche”;

- la Legge dello Stato 22 maggio 1978, n. 194 garantisce, regolamenta e descrive le procedure per l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG), stabilendo diritti garantiti a tutte le donne nel territorio nazionale e la mozione sopra indicata impegnava la Giunta regionale a:

1) avviare un monitoraggio approfondito che faccia emergere se e in quale misura i diritti sanciti dalla Legge n. 194/78 siano o meno effettivi nella nostra Regione.

2) attivare azioni e politiche capaci di garantire e rendere effettivi i diritti sanciti dalla Legge n.194/78.

3) dare piena attuazione alle linee guida del Ministero della Salute che hanno previsto l’abolizione dell’obbligo di ricovero ospedaliero in caso di aborto farmacologico.

4) attivare procedure per ridurre la percentuale di personale (medico e non) obiettore nelle strutture sanitarie della Regione;

- il Consigliere regionale Carlo Ciccioli è Presidente del Gruppo assembleare Fratelli d’Italia che ha espresso il Presidente della Giunta regionale;

Considerato che:

- il Consiglio Regionale delle Marche rappresenta l’espressione costituzionale più elevata della democrazia del territorio, sede dell’Assemblea Legislativa che costituisce l’organo della rappresentanza democratica di tutti i cittadini;

- l’articolo 3 della Costituzione Italiana afferma che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”;

- nei Consideranda con cui esordisce la Dichiarazione universale dell’ONU del 1948 vi è in primo luogo la dignità umana che distingue gli uomini dagli altri esseri viventi, per il loro pensiero razionale, la libertà, la personalità che ne fanno un soggetto di diritti e gli conferiscono una inviolabilità fondamentale ed una uguaglianza sostanziale con tutti i loro simili; e vi è la dimensione sociale dell’uomo, che può vivere, svilupparsi e accedere ai propri diritti solo tramite la vita sociale, come garanzia del rispetto dell’uguale dignità di ciascuno. Questa idea si concretizza nella appartenenza di tutti gli esseri umani ad una vera e propria comunità universale (che l’Onu intende prefigurare in sé stessa), la quale implica una comunità di destino ed una solidarietà universale in nome della quale i diritti dell’uomo devono essere difesi;

Dato atto che:

- nella discussione in aula della mozione n. 27 sopra richiamata, tra gli altri, è intervenuto il Presidente del Gruppo assembleare Fratelli d’Italia, Carlo Ciccioli, il quale ha pronunciato le seguenti parole: “La battaglia da fare oggi è la battaglia per la natalità (...). Non c’è ricambio e non riesco a condividere il tema della sostituzione: siccome la nostra società non fa figli allora noi possiamo essere sostituiti dall'arrivo di persone che provengono da altre storie, continenti, etnie, vicende. Ritengo invece che un popolo ha una sua dignità e, nella sua memoria storica, antica e futura, la debba manifestare attraverso una sua identità e la sua capacità di riproduzione, che è una delle funzioni naturali di tutti gli organismi viventi.”

Ritenuto che:

- le parole del Consigliere regionale Carlo Ciccioli offendono i principi fondamentali sanciti dalla Costituzione Italiana che ogni cittadino, a maggior ragione chi ha responsabilità istituzionali, deve rispettare nel proprio comportamento quotidiano nell’ambito delle relazioni umane con le persone della comunità;

- le parole del Consigliere regionale Carlo Ciccioli alimentano pulsioni di discriminazione etnica in coerenza con frange estremiste di destra che in tutta Europa si stanno affacciando con violenza e in netto contrasto con i valori fondanti dell’integrazione europea di cui l’UE è custode;

- che le parole del Consigliere regionale Carlo Ciccioli appaiono non casuali e ancor più gravi tenuto conto che la seduta ordinaria n. 12 del 26.01.2021 della XI Legislatura del Consiglio Regionale è stata preceduta dalla seduta assembleare aperta con programma interamente dedicato al Giorno della Memoria, alla presenza di autorevoli figure che, attraverso interventi, relazioni, letture, testimonianze, materiali video e performances, hanno onorato la memoria delle tantissime vittime dell’Olocausto, ricordando gli orrori dello sterminio nazista nei campi di concentramento e delle discriminazioni razziali;

Tutto ciò premesso e considerato,

INTERPELLA

Il Presidente della Giunta Regionale per sapere:

- se la politica del governo regionale si riconosce nelle gravi affermazioni del Presidente del Gruppo assembleare Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli che rappresentano una evidente istigazione al rifiuto del diritto all’uguaglianza tra gli uomini e all’uguaglianza nella diversità;

- quale è la politica del governo regionale in materia di sostegno all’integrazione sociale e alla civile e democratica convivenza tra le diverse etnie che sono parte integrante della società marchigiana.

I Consiglieri:
Romano Carancini
Maurizio Mangialardi
Anna Casini
Andrea Biancani
Manuela Bora
Fabrizio Cesetti
Antonio Mastrovincenzo
Micaela Vitri


da Gruppo assembleare del Partito democratico - Assemblea Legislativa delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2021 alle 15:56 sul giornale del 29 gennaio 2021 - 207 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLxS





logoEV
logoEV