Giornata delle Comunicazioni sociali: la FNSI plaude al messaggio di Papa Francesco agli operatori dell'informazione

2' di lettura 26/01/2021 - «Il messaggio di Papa Francesco per la 55esima giornata delle Comunicazioni sociali (il 24 gennaio, N.d..R.) è un monito e un invito per i giornalisti, gli editori e gli operatori dell'informazione. In tempo di pandemia, con redazioni sempre più vuote e cronisti in molti casi costretti a restare a distanza dai fatti e dagli stessi luoghi di lavoro, il richiamo alla necessità di tornare all'essenza del giornalismo, che è testimonianza e racconto, ricerca e verifica attenta e scrupolosa, non può e non deve cadere nel vuoto".

L' afferma, in una nota, Raffaele Lorusso, Segretario generale della FNSI. Che prosegue: "Occorre riscoprire il giornalismo di inchiesta, tornare a fare informazione sul campo e, come ricorda il Papa, a consumare le suole delle scarpe, valorizzando il lavoro dentro e fuori le redazioni. Il precariato dilagante non può essere l'architrave di un nuovo modello produttivo, come pretendono alcuni editori, ma è soltanto un formidabile acceleratore della definitiva disgregazione del sistema dei media perché spiana sempre più la strada alla prevalenza delle fake news e della narrazione di comodo sulla realtà e sulla verità dei fatti. Non è difficile immaginare quali saranno, nel medio e lungo periodo, le conseguenze destabilizzanti di questo modello per l'opinione pubblica, la tenuta delle istituzioni e la qualità della democrazia».

Già Giovanni Paolo II, per il Giubileo dei giornalisti nel 2000, aveva richiamato ai canoni essenziali della deontologia professionale gli operatori dell'informazione (sulla base, tra l'altro, di sue specifiche esperienze: a Cracovia, negli anni '60-'70, Wojtyla aveva pubblicato regolarmente un giornale diocesano, ospitando anche brani di libri vietati dal regime comunista). Ora Francesco I mette veramente il dito nella piaga: l'obbiettivo degrado dell'informazione italiana, che nasce da tanti fattori, traspare da mille segnali. E' di settembre scorso, per fare solo un esempio molto significativo, il caso - riscontrato personalmente da chi scrive - di una notizia, relativa al proscioglimento dalle accuse sul Piano rifiuti di Roma dell'ex sindaco Gianni Alemanno, data, a settembre scorso, come fatto del giorno da un'importante agenzia di stampa: quando risaliva, in realtà, al luglio precedente...!


di Fabrizio Federici
redazione@vivereroma.org





Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2021 alle 00:52 sul giornale del 27 gennaio 2021 - 134 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bK8m





logoEV
logoEV