Parrucchieri ed estetiste, l’allarme di Confartigianato: “Assurdo continuare con lo stop ai clienti fuori comune”

2' di lettura 23/01/2021 - Necessari tempi certi su durata e fine del blocco degli spostamenti tra comuni, perché le imprese ormai sono allo stremo e la situazione è diventata pesantissima: questa la denuncia di Confartigianato Benessere, uno dei comparti tra i più colpiti dal provvedimento di chiusura dei confini comunali in zona arancione.

Lo stop è ormai in vigore da tempo - dice Sonia Brunella, Presidente Confartigianato Benessere Ancona-Pesaro e Urbino - e non sappiamo ancora per quanto tempo le imprese dovranno sottostare al divieto: è evidente che la situazione sta diventando insostenibile, ed è necessario sapere quando finirà il blocco, perché il destino di moltissime attività economiche rischia di essere ormai segnato. Se si considera, inoltre, che il territorio marchigiano è composto da 161 Comuni su 230 sotto i 5.000 abitanti, dove sostanzialmente risiede solo il 3,19 % della popolazione regionale, si capisce ancora meglio quanto sia necessario ripristinare gli spostamenti anche tra i comuni oltre i 5.000 abitanti, perché è lì che risiede la maggioranza della popolazione”.

“Gli imprenditori ci evidenziano la gravità di questo provvedimento - dichiara Luca Casagrande, Responsabile Confartigianato Benessere Ancona – Pesaro e Urbino - perché il problema degli spostamenti stia compromettendo i bilanci delle attività, con cali di fatturato anche del 70% e costi fissi che vanno comunque sostenuti. Una situazione inaccettabile. Peraltro, non autorizzare le imprese che operano nell’ambito dei servizi alla persona e alla famiglia a ricevere i clienti fuori comune – prosegue Casagrande - sostanzialmente impedisce agli imprenditori di servire la stragrande maggioranza della clientela. Fatto ancora più pesante per un comparto in cui il rapporto è prevalentemente fiduciario con il cliente stesso.

Come ribadito più volte, riteniamo che non siano le imprese con la loro attività, incluse quelle di questo settore, a favorire la diffusione del virus - aggiunge – e in questo modo si rischia di non indirizzare gli sforzi verso la giusta direzione, per sanzionare i comportamenti veramente rischiosi. Nei saloni dei parrucchieri, così come nei centri estetici, si accede un cliente alla volta e solo su appuntamento, gli operatori sono scrupolosi e gli ambienti e le attrezzature sono sempre sanificate, per lavorare in totale sicurezza.

Continuare a impedire questo tipo di spostamenti è ingiusto e irragionevole, oltre che dannoso per la sopravvivenza delle attività”, conclude Casagrande. “In questo momento, mentre noi chiediamo chiarezza sulla fine del blocco degli spostamenti - ha concluso Brunella - continuiamo a vedere confusione sul tema e mancanza di una progettualità a lungo termine per aiutare davvero le imprese a ripartire. La rotta va invertita subito, pena la perdita di moltissime imprese del nostro territorio che rischiano di non farcela”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2021 alle 12:02 sul giornale del 25 gennaio 2021 - 134 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, economia, urbino, ancona, pesaro, confartigianato ancona e pesaro - urbino, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bKQV





logoEV