Testimoni di Geova perseguitati in Russia, la preoccupazione della comunità civitanovese

2' di lettura 16/01/2021 - È stato un anno terribile per i Testimoni di Geova della Russia, non solo per la pandemia di covid-19, ma anche per la crescente opposizione al loro credo. Una situazione sempre più grave che alimenta la preoccupazione e l’ansia delle comunità dei Testimoni di Geova delle Marche, comprese quelle di lingua russa che operano a Civitanova Marche.

L’inasprimento delle autorità russe ha portato al raddoppio delle condanne per “organizzazione estremista”. Ecco alcuni numeri: nell’anno 2020 sono state intraprese 188 azioni penali che coinvolgono 147 fedeli; 39 persone, tra uomini e donne, sono state condannate in base all’articolo 2822 del Codice Penale della Federazione Russa; 72 persone sono state incarcerate (44 si trovano attualmente dietro le sbarre); 477 abitazioni dei Testimoni di Geova hanno subito irruzioni. Non a caso la Russia è stata inclusa tra i 10 massimi violatori dei diritti umani, anche a causa dell’incessante persecuzione nei confronti dei Testimoni.

Così Roberto Guidotti, portavoce dei Testimoni di Geova per le Marche, ha commentato: «Con la persecuzione dei fedeli Testimoni la Russia si sta prendendo gioco sia della legislazione internazionale sui diritti umani sia della propria Costituzione, la quale tutela la libertà religiosa. Tutti i principali organismi internazionali che si occupano di diritti umani stanno protestando contro questi continui abusi, che, come ha sottolineato l’Uscirf, sono spesso frutto della ‘logica perversa della propaganda [dei gruppi] anti-sette’, molto attivi in vari paesi inclusa l'Italia. Il mondo osserva ciò che sta succedendo in Russia e tutti i principali organismi internazionali che si occupano di diritti umani stanno protestando contro questi abusi».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2021 alle 15:00 sul giornale del 17 gennaio 2021 - 354 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJKv





logoEV