Civitanova: Covid Hospital, ultimi preparativi, Ciarapica: "Scelta che si dimostra giusta, nessun problema per la convenzione"

3' di lettura 22/10/2020 - Ancora qualche giorno e il Covid Hospital accenderà i motori a pieno regime. In giornata sono iniziati i primi movimenti per sistemare tutto all’interno della Fiera, dove i locali e i macchinari sono congelati dallo scorso giugno dopo un’apertura-lampo che sollevò più di qualche polemica.

Anche il Comune è pronto a fare la sua parte per quello che sarà invece il vero via all’utilizzo della struttura, vista l’impennata di contagi che sta fronteggiando anche la nostra regione. E il sindaco Fabrizio Ciarapica, uno dei sostenitori della primissima ora dell’iniziativa, plaude alla scelta della giunta regionale. «La notizia della nuova riapertura del Covid Hospital da me auspicata non può che trovarmi favorevole – sottolinea il primo cittadino – questo conferma che la mia scelta dello scorso marzo di mettere a disposizione i nostri spazi fieristici alla sanità regionale per allestire un centro specialistico per la cura dei malati covid era giusta e oggi più che mai continuo ad esserne convinto. La priorità in questi giorni drammatici in cui la curva pandemica ha ricominciato a salire è quella di preservare la normale attività del nostro ospedale cittadino. Dal neo Assessore alla sanità, Filippo Saltamartini, è arrivato il giusto segnale che va in questa direzione e che non discrimina più i malati Covid da quelli affetti da altre patologie. Il modulo da 14 posti che sarà aperto è un’assicurazione e un segnale di attenzione per i tanti malati che nella passata ondata avevano trovato serrate le porte dei loro ospedali di riferimento e aveva costretto le strutture ospedaliere ad interrompere cure e soprattutto diagnosi, creando liste di attesa molto preoccupanti. Confido che questa decisione faccia confluire i malati affetti da coronavirus presso la struttura fieristica della nostra città, creando percorsi certi per i sintomatici senza dover sporcare i Pronto soccorso e gli altri reparti, ma soprattutto non si debba assolutamente riconvertire il nostro ospedale in Covid Hospital come già avvenuto nella passata primavera. La straordinarietà della situazione richiede risposte rapide ed efficaci insieme a indiscusse capacità organizzative».

Nessun problema per quanto riguarda la convenzione per l’utilizzo della struttura con la Regione, convenzione che era scaduta, dopo la prima proroga, il 15 ottobre scorso. «Essendoci un mandato da parte del consiglio comunale, che aveva deliberato il via libera all’utilizzo della fiera fino al termine dell’emergenza sanitaria, procediamo con rinnovi in automatico a cura degli uffici ancorandoci alla data di proroga dello stato di emergenza a livello nazionale, quindi sicuramente la Fiera resterà Covid Hospital almeno fino al 15 gennaio, poi si vedrà», precisa Ciarapica.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2020 alle 17:57 sul giornale del 23 ottobre 2020 - 322 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bznU





logoEV