Sfratto all'Accademia Primo Dialetto, l'amarezza di Micucci: "Timore che sia un provvedimento politico"

2' di lettura 16/09/2020 - Apprendo con rammarico la notizia dello sfratto ingiustificato dell’Accademia Primo Dialetto, da anni impegnata per il recupero e la valorizzazione della cultura civitanovese. L’accademia dialettale costituisce indubbiamente un punto di riferimento nell’attività associativa di Civitanova sotto due diversi punti di vista.

Da un lato nel mantenere forte l’identità civitanovese attraverso la lingua in primis ma anche con la valorizzazione delle antiche tradizioni marinare e contadine, che sono le nostre radici. Dall’altro con l’attività di beneficenza, sempre svolta e devoluta a favore di altre associazioni cittadine impegnate nel sociale.

Colpire le proprie radici e la propria identità è assurdo, sembrerebbe scontato che anche le amministrazioni si attivino per difendere queste rare e preziose realtà, non per cacciarle. È compito di chi governa una città impegnarsi per recuperare spazi e locali, invece ci troviamo di fronte ad un atto totalmente irrispettoso, a uno sfratto quasi coatto senza preavviso e senza dibattito.

Capisco che ora il sindaco Ciarapica è in campagna elettorale per le regionali e cerca di scaricare sull’ex assessore Gabellieri, oggi avversaria ma con cui in passato ha condiviso gli intenti, tutta la responsabilità per questo atto ignobile. Invece ne sono responsabili entrambi allo stesso modo, non basta andare in giro per farsi vedere con la fascia da sindaco, indossata anche in epoca di par condicio quando non si potrebbe. Quella fascia rappresenta un patto con i cittadini e comporta l’assunzione di responsabilità e l’impegno a trovare delle soluzioni. Non è fatta per pavoneggiarsi. Mi auguro che l’amministrazione si attivi per aiutare chi porta avanti la storia della città e che possa trattarli almeno come “gli amici degli amici”, che per la vicinanza politica sono stati tutti sistemati con soluzioni congrue. Il timore però è che questo sfratto sia una punizione di tipo politico.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2020 alle 15:37 sul giornale del 17 settembre 2020 - 221 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bwdH





logoEV