Polo anti Covid-19 alla Fiera, per Futuro in Comune è un mezzo no: concentrarsi sul ripristino degli ospedali

2' di lettura 23/04/2020 - Quando sei in guerra è difficile azzeccare tutte le mosse e capire rapidamente cosa è giusto e cosa è sbagliato. Così abbiamo atteso e cercato di cogliere il senso positivo della trasformazione dei locali della nostra fiera in reparto Covid-19.

Non convince la necessità di affidarsi ad un commissario esterno dopo aver già fatto coraggiosamente la mossa più difficile, cioè di convertire in una notte gli ospedali di Civitanova e Camerino alla cura del coronavirus. Non convince la necessità di individuare una struttura esterna agli ospedali esistenti, se non perché ci si è affidati totalmente a questo commissario ed alle sue idee preconfezionate. Non convince che quando se ne è cominciato a parlare si era nel pieno dell’emergenza e della necessità e si doveva fare presto, ma poi si sono aspettate settimane, l’emergenza stia scemando e quindi si giustifica l’impresa con la necessità di attrezzarsi per l’autunno.

Ma se in due mesi gli esperti hanno dovuto cambiare opinione e ricredersi così tante volte sul coronavirus, predire con certezza che a novembre questo ritorni sembra per lo meno azzardato. Tanto più che nel frattempo si stanno mettendo a punto delle cure e qualcuno ha già iniziato a sperimentare un vaccino, cose che renderebbero superflui la maggior parte dei ricoveri. Non convince l’affidamento ai cavalieri di Malta dei nostri soldi.

Allora visto che comunque l’opera verrà finita, ci aspettiamo che si dia corso alla promessa di ripristino del nostro ospedale e di tutti gli altri, è il minimo da attendersi dopo che si è voluto a tutti i costi, nonostante le perplessità di tanti, portare a compimento un’operazione aliena al territorio ed al comune sentire.

Futuro in Comune

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2020 alle 09:55 sul giornale del 24 aprile 2020 - 235 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bkaf





logoEV
logoEV