Quanto ci muoviamo in meno rispetto al solito? Ce lo dice Enel: mediamente il 65% in meno

2' di lettura 15/04/2020 - Di quanto è diminuita la circolazione delle persone a Civitanova dall’inizio delle misure restrittive che vanno avanti tutt’ora? Nel giorno medio, i movimenti sono diminuiti mediamente intorno al 65%. A rilevarlo è il progetto Enel X, messo in campo a livello nazionale da Enel e Here Technologies.

Il progetto, nato al fine di agevolare la gestione delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid-19, si traduce in una mappa del territorio nazionale, suddiviso per Comuni, che viene messa a disposizione a titolo gratuito per pubbliche amministrazioni, istituzioni, imprese e cittadini e disponibile gratuitamente fino al 31 maggio 2020. Il servizio si basa sull'analisi dei dati anonimizzati e aggregati provenienti da veicoli connessi, mappe e sistemi di navigazione, elaborati in correlazione con dati provenienti da applicazioni mobile e open data della Pubblica amministrazione. I dati raccolti quotidianamente vengono raffrontati con quelli di gennaio 2020, quindi pre-crisi coronavirus, per avere un raffronto percentuale della variazione dei parametri di spostamento dei dispositivi.

L’andamento del grafico rispecchia l’impatto che i successivi decreti hanno avuto sul volume degli spostamenti in città. Il primo crollo rispetto ai valori ordinari lo si è registrato mercoledì 4 marzo, giorno di entrata in vigore del primo Dpcm che sospendeva scuole ed eventi culturali: in quel giorni si registra il primo picco negativo di -32% degli spostamenti. La curva risale a livelli normali il giorno successivo, per poi cadere in picchiata con l’inizio del lockdown totale ovvero a partire da martedì 10 marzo. Il crollo dei movimenti raggiunge il -80% domenica 15 marzo e da allora ha andamento piuttosto stabile: dal lunedì al venerdì il calo della mobilità rispetto al normale si assesta tra il 60 e il 70% (tenuto a galla praticamente solo dai pochi che si spostano per lavoro o per andare a fare la spesa), nel weekend si scende stabilmente sotto l’80% con un picco negativo toccato domenica scorsa, quella di Pasqua: -93%. Insomma, la gente sta facendo la sua parte, limitando al minimo gli spostamenti.

Il crollo dei movimenti rilevati ha più o meno lo stesso andamento in tutti i Comuni della Provincia, naturalmente con tendenze più accentuate nei Comuni costieri e in quelli che ricadono lungo la Valle del Chienti, le più colpite dagli stop delle attività produttive.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.








Questo è un articolo pubblicato il 15-04-2020 alle 17:52 sul giornale del 16 aprile 2020 - 639 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjHC





logoEV
logoEV