Houston abbiamo un problema: che fine ha fatto la fibra a Montecosaro?

2' di lettura 07/04/2020 - Lo stop causato dall’attuale emergenza sanitaria ha portato con sé tutta una serie di problematiche. In particolare questa volta ci vogliamo occupare di una situazione su cui da anni verte il dibattito dei cittadini montecosaresi ovvero la mancata installazione della fibra in alcune zone del paese.

Con l’utilizzo delle lezioni on line, dello smart working e la reclusione forzata di questi giorni che ci spinge ad usare sempre di più la tecnologia, gli smartphone, i tablet e i pc sembrano essere gli unici strumenti in grado di poterci, non solo far avere un contatto con il resto del mondo, ma anche permetterci di lavorare e studiare.

Ma come si dice: “Houston abbiamo un problema!” e il problema ce lo abbiamo in diversi quartieri di Montecosaro dove, da più di cinque anni, i cittadini aspettano la famosa “fibra ottica” che purtroppo tarda ad arrivare.

Fino a qualche tempo fa, sebbene l’esigenza fosse sentita, non era così prioritaria come sembra essere diventata oggi.

Abbiamo deciso di fare finalmente chiarezza e cercare di capire quale futuro ci aspetta alle porte dello “spettro” del 5G: insomma come cambia, se cambia, lo scenario della copertura della fibra ottica nelle nostre case?

Ripercorriamo le tappe.

Il Comune ha rilasciato le autorizzazioni nel 2013 per Fastweb rete privata, nel 2015 e nel 2017 a Telecom.

Ha dato alla Telecom e all'Infratel (nel 2019) anche la disponibilità di usare alcune zone pubbliche per fare dei punti di potenziamento del segnale per la bassa provincia (nella zona dell’Acquedotto).

Le tracciature sono state realizzate da tempo e manca solo l'istallazione di quadri centralina.

Ora il problema sembrerebbe, in questo momento, una guerra tra Infratel e Telecom che per il momento si è risolta in favore di Infratel al primo grado di giudizio.

Per tutto quello che è stato installato prima della causa, essendo di proprietà della Telecom, non ne viene rilasciato l’uso. Non lo lascia la Telecom fino a giudizio definitivo (ora siamo al secondo grado), e tutto quindi rimane bloccato.

Ovviamente stiamo parlando dell’attivazione dei contratti.

Il nuovo sta partendo ed è per questo che sono visibili i nuovi quadri.

Questa è la situazione ad oggi per la fibra.

Per quanto riguarda il 5G invece, la Regione sta facendo le proprie sperimentazioni e per il momento ha bloccato tutto.

Vero è che La Commissione Europea ha già approvato il pacchetti di strumenti comune comprendente misure di attenuazione, concordato dagli Stati membri dell'UE e volto ad affrontare i rischi di sicurezza connessi al lancio del 5G, la quinta generazione delle reti mobili, approvando quindi la rete, ma sono le regioni e i comuni a rilasciare i permessi.

Tutto quindi resta ancora fermo e, temiamo, tornerà ad essere ancora a lungo argomento di dibattito fino a che non ci saranno sviluppi definitivi.

(fonte – Comune di Montecosaro)






Questo è un articolo pubblicato il 07-04-2020 alle 21:51 sul giornale del 08 aprile 2020 - 568 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Meri Desideri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjeg





logoEV
logoEV