Chiarimenti sulle mense scolastiche, le precisazioni dell'assessore Barbara Capponi

mensa 3' di lettura 19/02/2020 - In merito alle richieste di chiarimenti emerse sulla mensa, l’assessore ai Servizi Educatici e Formativi Barbara Capponi, precisa quanto segue: Ringrazio i genitori per aver sottolineato gli atti formali e concreti prodotti dall’Amministrazione e già resi pubblici.

Le determine dimostrano l'impegno costante e serio dell’Amministrazione nel pretendere un servizio di refezione di qualità nel pieno rispetto del capitolato previsto.

La cifra trattenuta sarà destinata nel bilancio certamente a favore dei più piccoli o fragili: molti progetti sono sul tavolo, anche di concerto con le scuole. Lo sguardo è sempre rivolto alle categorie da tutelare maggiormente, e tra queste ricordo la assoluta necessità di pensare alla disabilità o ad altre categorie deboli, priorità da tenere assolutamente presenti nella destinazione delle risorse.

Per quanto riguarda la riduzione delle tariffe per il servizio di refezione, è importante ricordare che è già stata applicata una prima riduzione delle tariffe nell'anno scolastico 2019/2020 e che è prevista nel prossimo bilancio di previsione una riduzione ulteriore di €0,25.

Relativamente al pasto da casa, ricordo che nella nostra città non è stato autorizzato in nessun Istituto comprensivo, e che la pertinenza di renderlo possibile all'interno dei refettori è dei dirigenti scolastici e non del Comune. Comunque, l'Amministrazione ha in piedi con le scuole un accordo di programma di diverse decine di migliaia di euro in cui, ad esempio, è prevista anche una voce per gli arredi: qualora le dirigenze ravvisassero necessità specifiche di nuovi acquisti per sopravvenute nuove esigenze, l'amministrazione provvederebbe nel rispetto dell'accordo a quanto richiesto.

Relativamente alle questioni sollevate su controlli ai pagamenti effettuati dalla All Food ai propri dipendenti, l'amministrazione provvede ogni mese prima di pagare le fatture a controllare che la ditta appaltatrice il servizio sia in regola con il versamento dei contributi ai dipendenti, tramite il sito Inps o Inail. Il documento controllato è il Durc e ogni mese è sempre risultato regolare. Inoltre, non è arrivata alcuna segnalazione formale dai dipendenti della ditta.

Relativamente alla trasparenza, infine, la legislazione statale che individua gli obblighi di pubblicità e trasparenza gravanti sulle pubbliche amministrazioni non prevede l'obbligo di pubblicazione dei verbali del Comitato Mensa. Né vi sono altre fonti normative secondarie vigenti, di natura regolamentare, introdotte dal Comune di Civitanova Marche, che stabiliscono tale obbligo. Non sembra ci siano motivi oggettivi per reclamarne l’assenza, in quanto le sedute dei comitati mensa sono sempre state aperte al pubblico come uditore e non mi risulta che a nessuno sia mai stato interdetto l'accesso. Tutto quanto detto nelle riunioni è avvenuto con la possibilità che la cittadinanza ascoltasse.

L'iniziativa della registrazione, di cui tutti i membri sono stati informati, è stata assunta come strumento a maggior garanzia di tutti ai fini della documentazione degli interventi e della trattazione degli argomenti all'o.d.g..

La disciplina delle attività e del funzionamento del Comitato Mensa, come per gli altri organismi con funzioni consultive/propositive la cui istituzione è rimessa alle scelte degli organi di indirizzo politico degli enti locali, in assenza di norme primarie, è, in generale, demandata, sulla base del T.U.E.L., ad appositi regolamenti dell'Ente, nel rispetto dei principi fissati dalla legge e dello Statuto comunale.

Qualora il Comitato ritenga utile/opportuno promuovere la diffusione dei verbali attraverso la pubblicazione sul sito internet istituzionale, ci si attiverà per sottoporre al Consiglio comunale il recepimento di tale indicazione nell'ambito delle disposizioni del Regolamento comunale in materia, previo vaglio da parte degli organi gestionali dell'effettiva praticabilità di tale soluzione, nel pieno rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.

In tale contesto, potrà anche essere valutato l'inserimento nel regolamento di ulteriori previsioni di dettaglio in ordine alla verbalizzazione delle sedute".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2020 alle 15:46 sul giornale del 20 febbraio 2020 - 489 letture

In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, comune di civitanova marche, civitanova, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bguc





logoEV