Si aprono i lavori sull'autismo: primo tavolo tra comune e attori del mondo sociale e santitario

2' di lettura 23/02/2018 - Un tavolo permanente sull'Autismo, con il Comune di Civitanova Marche in prima linea insieme a tutti gli attori dell'ambito socio-sanitario: è questo il primo mattone per costruire un Centro diurno dedicato alle famiglie che quotidianamente si trovano a gestire situazioni difficili senza alcun aiuto.

Il primo incontro sul progetto Autismo si è svolto lunedì a Palazzo Sforza, convocato su input dell'assessore ai Servizi sociali Barbara Capponi, affiancata dal dirigente Passarelli e dal funzionario Castellucci. Presenti per l'ASUR il direttore del distretto Gianni Turchetti, per l'UMEA il referente Sara Sacchi e l'assistente sociale Maria Luisa Sampaolo e il coordinatore Ambito Territoriale 14 Carlo Flamini. Per l'Asp Paolo Ricci sono intervenuti il presidente Agostino Basile, il direttore generale Patrizia Zallocco, il direttore sanitario Elita Di Stefano, la psicologa Maria Chiara Miliozzi e il direttore sanitario Patrizia Monti.

“L'Assessorato - spiega l'assessore Capponi – sta lavorando su diversi fronti, ad esempio le problematiche legate alla malattia di Alzheimer, alla ludopatia e alle dipendenze. Tra gli obiettivi dell'Amministrazione comunale c'è quello di realizzare un centro per l'Autismo, una proposta complessa che richiederà tempo per essere ben sviluppata perché, si comprende bene, la tematica non è esclusivamente sanitaria né esclusivamente sociale.

Nell'attesa di un progetto strutturato, le famiglie non posso essere lasciate sole ed hanno urgenza di interventi e risposte, hanno bisogno di sentire le istituzioni vicine, qualcuno al proprio fianco. Dopo aver incontrato tante famiglie che hanno figli con disabilità diverse – prosegue l'assessore Capponi - era più che mai necessario ascoltare coloro che già si occupano di autismo, patologia che ha tante sfaccettature. Le esigenze nell'affrontare questa malattia sono variegate, vanno in base all'età. Nel nostro territorio ci sono già servizi per la presa in carico della problematica, ma abbiamo ravvisato anche tante carenze che bisogna andare a coprire, sia in termini di servizi riabilitativi che assistenziali”.

Il presidente del Paolo Ricci Agostino Basile si è detto molto soddisfatto di questa collaborazione che sarà la base per organizzare servizi qualificati.

“Sono molto felice che il Paolo Ricci, l'Asur, l'Umea e l'Ambito 14 abbiano prontamente risposto alla nostra richiesta di condivisione degli obiettivi e abbiano dato la loro disponibilità a lavorare su futuri progetti – conclude l'assessore Capponi. Abbiamo preso coscienza dello stato dell'arte per vedere quale sia la situazione e attivarci per dare risposte adeguate alla cittadinanza e soprattutto accogliere chi per motivi diversi non si è mai avvicinato alle istituzioni per chiedere aiuto”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2018 alle 09:35 sul giornale del 24 febbraio 2018 - 372 letture

In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, comune di civitanova marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRXT





logoEV