SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > POLITICA
comunicato stampa

Città Verde: ''Il parcheggio sotterraneo nell'area ex Fiera, a che serve?''

3' di lettura
550

Parcheggi

L’idea di un Parcheggio interratto in centro città è una idea vecchia e un prodotto di vecchie culture della Mobilità Urbana.

Benché ipotizzato fin dai primi anni del 2000 si è mestamente eclissato perché anche i fautori hanno compreso che sarebbe stato inutile, devastante sul piano ambientale, e sarebbe stato un attrattore di traffico in un’area già altamente inquinata da P10 e non solo. In quella fase politica anche Tommaso Corvatta,era giustamente impegnato contro l’inquinamento del Centro Urbano e contro le politiche della mobilità di allora, insieme a tanti componenti della maggioranza che ora governano la città, manifestava (durante la campagna elettorale del 2012 ) in Bicicletta assieme a tanti altri cittadini contro l’inquinamento delle Pm10 in Centro Città per una diversa Mobilità ecosostenibile.

Nel silenzio dei componenti della Giunta e della maggioranza oggi lo stesso è il promoter del Parcheggio sotterraneo in zona ex Fiera. Alcuni esponenti del Commercio affermano che il Parcheggio in zona ex Fiera sotterraneo o a raso magari a costo zero è indispensabile al centro urbano, e che senza quel Parcheggio fra l’altro non si può ipotizzare la Zona a Traffico Limitato o qualsiasi altra scelta capace di contenere il traffico privato. Intanto bisognerebbe guardare la realtà: il Centro Città, la Piazza, le Piazze sono da anni state tutt’altro che un deserto.

Infatti oggi ce lo ricorda anche il consuntivo dell’estate civitanovese fatto dal Vice Sindaco: Civitanova è stata la città che con le tante iniziative culturali e ludiche su cui si può discutere ha attratto decine di migliaia di persone anche provenienti da altre località è stata la “Reginetta” dell’estate Una prova difficile sulla mobilità che è stata superata. Queste migliaia di persone non sono venute a piedi ma con mezzi privati, auto come mezzo di trasporto principale. Evidentemente Civitanova ha in se una capacità di essere attrattiva e di capacità di sosta. Ora la priorità è la riqualificazione dell'area che va da Palazzo Sforza-Piazza XX Settembre -Giardini-Lido Cluana Arco per affacciarsi al Mare.

Se c’è un dato critico da sottolineare e su cui sarebbe bene che si faccia una riflessione è che mentre l’accoglienza a cominciare dalla Ristorazione ha fatto la parte del Leone, parte del commercio, quello dello Shopping tradizionale, non è stato capace di intercettare le potenzialità disponibile. Questo non significa che sul fronte della sosta non si possa fare meglio; basterebbe razionalizzare meglio le aree di sosta esistenti e il trasporto pubblico urbano, elaborare un Piano della Mobilità che chiuda con un Piano in vigore dal secolo precedente.

Chi dice che senza Parcheggio Sotterraneo in Zona ex Fiera il centro muore, non è attrattivo, che non si possono ipotizzare Zone a Traffico Limitato i dati dell’affluenza li smentiscono e sono gli stessi che hanno sostenuto per anni e anni che le Zone a Traffico Limitato non si potevano realizzare senza i Parcheggi in Zona Ceccotti. Oggi che i Parcheggi in Zona Ceccotti ci sono e sono stati realizzati a costo ZERO per le finanze comunali, gli stessi che legavano ad esso le sorti della ZTL, ecc fanno finta che non ci siano e che l’amministrazione comunale sta valutando una “nuova” Mobilità elaborate dalla società incaricata Sintagma che sarà oggetto di confronto con le categorie,ecc.

Per questo il Problema Parcheggio Interrato è quanto meno una contraddizione rispetto alla realtà attuale e un modo ,il solito perché il centro di Civitanova resti uno dei pochi centri urbani assediato dalle auto che ne impediscono la piena potenzialità .



Parcheggi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2016 alle 18:49 sul giornale del 10 ottobre 2016 - 550 letture