SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > SPORT
articolo

Serie D: il Matelica fermato all'ultimo minuto dalla Civitanovese

4' di lettura
464

Pareggio tra Civitanovese e Matelica. La rete in extremis dei padroni di casa regala un punto ad entrambe le squadre.

Nonostante le assenze di Borgese ed Esposito, i matelicesi dimostrano comunque la loro solidità andando a fare una buona gara sull’ostico campo della Civitanovese. Dall’altra parte i rossoblù escono con una maggiore consapevolezza dopo un pareggio con la favorita del girone F.

Primi minuti subito positivi per il Matelica che impedisce alla Civitanovese di farsi avanti. La prima occasione è proprio per i biancorossi con Pera che, servito grazie ad un ottimo lancio del terzino Mingucci, solo davanti a Vassallo chiude troppo il tiro sprecando a lato. Al 20’ inizia il buon break della Civitanovese grazie soprattutto al gran lavoro in attacco di Moreira; è proprio lui a triangolare con Negro in area e tentare il tiro poi respinto da una provvidenziale chiusura di D’Orazio. Al 28’ altra bellissima azione dei padroni dei casa con il cambio di gioco di Wade, la sponda di Lignani ed il tiro al volo di Pereira: palla alta. Proprio in uno dei momenti migliori della Civitanovese (al 34’), il Matelica trova il vantaggio. E’ Degano, al limite dell’area, a regalare a Pera il pallone poi spinto in rete di destro per l’1-0. Nel finale di primo tempo Lignani prova il tiro da posizione defilata in area, ma Marcantognini respinge in angolo. Sul corner successivo Pereira dal limite impegna nuovamente il portiere del Matelica, ma niente di preoccupante per l’ultimo uomo matelicese che respinge la minaccia del pareggio.

Parte subito bene il secondo tempo del Matelica. Sfruttando una disattenzione difensiva della Civitanovese, Degano serve Pera che tutto solo davanti a Vassallo la piazza sotto il sette: traversa e palla fuori. Per l’occasione successiva bisognerà aspettare fino al 63’, con il tiro di potenza dal limite di Moreira e l’ottima risposta di Marcantognini che salva ancora una volta il risultato. La partita prosegue con la Civitanovese che sale in cattedra per provare a trovare il pareggio, ma il Matelica si chiude bene sia a difesa che a centrocampo. La squadra di Clementi inoltre è brava anche ad approfittare di diversi contropiedi, ma Pera, Degano e Galli non riescono a chiudere il match. La palla gol più clamorosa capita proprio sui piedi di bomber Pera al novantesimo, ma il numero 9 biancorosso stavolta trova una grande risposta di Vassallo che nell’uno contro uno non si lascia superare di nuovo dal destro dell’attaccante matelicese. Nell’ultimo minuto di recupero il pareggio della Civitanovese. Bartolini commette fallo a limite dell’area e Negro su punizione la piazza sotto il sette regalando un punto ai suoi compagni proprio al termine del recupero.

Pareggio che per il Matelica ha il sapore della beffa, ma dopo novanta minuti di intensa battaglia, l’1 a 1 è il risultato più giusto. Ora per i ragazzi di mister Clementi altra partita impegnativa: domenica al Comunale arriva infatti la Vastese, prima in classifica insieme proprio ai matelicesi ed all'Olympia Agnonese.

CIVITANOVESE – MATELICA 1 - 1

CIVITANOVESE: Vassallo, Bernardini, Enow, Sindaco (69’ Mosca), Gregora, Rubino, Negro, Wade, Moreira, Lignani (53’ Giovannini), Pereira (80’ Battisti). (A disp.: Reinholds, Vallesi, Sabatucci, Progna, Olivieri, Tortelli). All. Caneo.

MATELICA: Marcantognini, Mingucci, Bartolini, Lunardini, Cacioli, Di Maio, Baldinini, D’Orazio (79’ Negro), Pera, Degano (67’ Frinconi), Galli (91’ Moretti). (A disp.: D’Avino, Gilardi, Dano, Lispi, Lasku, Perfetti). All. Clementi.

Arbitro: Marco Ricci di Firenze.

Reti: 34’ Pera, 93' Negro

Ammoniti: 30’ Cacioli (M), 40’ Rubino (C), 74’ Gregora (C). Espulso Rubino al 93’per doppia ammonizione.

Classifica: Olympia Agnonese 11, Matelica 11, Vastese 11, Fermana 10, Alfonsine 8, Civitanovese 8, Sammuaurese 7,Vis Pesaro 6, San Nicolò 6, Jesina 6, Castelfidardo 6, San Marino 5, Campobasso 5, Recanatese 5, Romagna Centro 5, Monticelli 4, Pineto 4, Chieti 0.



Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2016 alle 17:00 sul giornale del 03 ottobre 2016 - 464 letture