Nuovo sistema per la raccolta differenziata degli oli vegetali esausti

raccolta differenziata degli oli vegetali esausti 3' di lettura 02/08/2016 - Sono trascorsi dieci anni da quando furono posizionate per la prima volta sul territorio nazionale le Olivia, i contenitori deputati alla raccolta differenziata stradale degli oli vegetali esausti prodotti dell’utenza domestica: le installazioni vennero effettuate nei Comuni di Civitanova Marche, Potenza Picena e Porto Recanati.

Proprio da questi Comuni si riparte: Cosmari Srl, Adriatica Oli Srl e Nuova C-Plastica lanciano un progetto sperimentale su dieci contenitori stradali che sono stati potenziati di OIL PLAN-ECO, un nuovo sistema di gestione e di monitoraggio per la raccolta di questo rifiuto liquido urbano.

“Cerchiamo di migliorare l’educazione e la sensibilità alla raccolta differenziata – ha detto l'assessore al ciclo dei rifiuti Giulio Silenzi - che non si può dare per scontata, anzi c’è molto da fare e pertanto ogni iniziativa sul fronte dell'educazione e dell'informazione va nella direzione giusta. Ogni rifiuto va visto non come un problema ma come risorsa”.
Alla conferenza erano presenti oltre all'assessore Sielnzi, Gian Marco Camoli della Nuova c. plastica, Sabrina Ciarrocchi dell'Adriatica Oli e Luca Romagnoli del Cosmari.

OIL PLAN-Eco è un servizio internet accessibile da PC, Tablet e Smartphone che attraverso la "scheda elettronica NCP" rende il contenitore "intelligente".

Le stazioni Olivia installate sono alimentate da batterie ricaricabili attraverso un pannello solare.
All’interno della stazione sono posti dei sensori elettronici collocati a diverse altezze in modo da rilevare il progressivo riempimento del contenitore evitando il rischio per il cittadino di recarsi al contenitore per il conferimento e trovarlo pieno.

Il sistema OILPLAN-Eco infatti, attraverso una scheda di rete, trasmette il dato riguardante lo stato di riempimento al sistema web che lo aggiorna e lo rende disponibile al gestore del servizio Adriatica Oli, consentendogli di mandare tempestivamente un mezzo a svuotare il contenitore.

Una gestione così accurata e puntuale permette di generare statistiche precise sul progetto di raccolta e sul bilanciato posizionamento delle singole postazioni di raccolta sul territorio.
Inoltre la capillarità delle informazioni e il relativo monitoraggio giornaliero delle stazioni permettono di studiare il tragitto più economico che seguirà l'automezzo per la fase di svuotamento del contenitore, con minori km percorsi, minore inquinamento e minori costi di gestione.

Il progetto, una volta testato, verrà esteso su più larga scala. Salta subito all’occhio che ottimizzando in maniera capillare lo spostamento dei raccoglitori che gestiscono questo tipo di raccolta differenziata, si eviterebbe l’immissione in atmosfera di ingenti quantitativi di CO2.

Questi i quantitativi di oli vegetali esausti conferiti nei Comuni interessati da questa specifica raccolta differenziata:

* 2013: 127.076 Kg intercettati con un numero di olivie pari a 230.

* 2014: 159.955 Kg intercettati con un numero di olivie pari a 240.

* 2015: 166.435 Kg intercettati con un numero di olivie pari a 258.

* 2016 al 30/06: 92.325 Kg intercettati con un numero di olivie pari a 262.

I contenitori Olivia Oilplan sono collocati in questa fase iniziale,

A Civitanova:
-via della Repubblica 11 (Civitanova Alta)
-via Buonarroti incrocio via R.Sanzio
-via Vasco De Gama, 1
-via Leonardo da Vinci
-via Bragadin

A Potenza Picena:
-via Margherita
-P.zza Dohuet (fraz.Porto Potenza)

A Porto Recanati:
-via Montarice (Inizio B.Gigli)
- via Roma
-Incrocio via U.Foscolo e v.le Europa








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-08-2016 alle 16:59 sul giornale del 03 agosto 2016 - 714 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, civitanova marche, comune di civitanova marche, oli vegetali esausti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azSa