Città Verde: parcheggio area ex Ceccotti, il ritorno al passato

comune di civitanova marche 2' di lettura 13/12/2015 - Da Palazzo Sforza viene l’annuncio Urbis et Orbi che abbiamo il Parcheggio in zona ex Ceccotti.

Abbiamo pensato che nei fatidici 10 giorni dall’Ordinanza del Sindaco ,avversa ai lavori incorso da parte della società Depositi & Vendite (tutti da chiarire), con la quale intimava legge alla mano,non solo che venisse smantellato il cantiere ma che fosse ripristinata l’area “quo ante”. Purtroppo non è così perché l’accordo con la società è che l’attuale cantiere autorizzato come lavori di -Messa in Sicurezza- diventa di fatto un Parcheggio privato gratuito fino al 15 Gennaio poi d’ intesa con l’amministrazione comunale diverrà a pagamento. Insomma una giravolta.

Allora chiediamo al Sindaco:

1-Perché ha emesso una Ordinanza che basandosi sul presupposto che quell’area è di fatto da anni un parcheggio pubblico anche in forza di vecchie Convenzioni di concessioni edilizie imponeva alla Depositi & Vendite il ripristino originario di quell’area per poi alla vigilia della sua scadenza ritirarla?

2-Se dalla approvazione del PRG l’area in oggetto è stata definita “bianca” senza norme tecniche di attuazione in base a quale norma diventerà successivamente parcheggio a pagamento?Ci sarà una variante su misura?

Si parla di un Parcheggio a pagamento ma non si parla di approvazione del Piano Polci. Noi non siamo contrari alla realizzazione di Parcheggi ma questa ipotesi non può pena “affettare “ il Piano Polci con percorsi amministrativi ambigui. Percorsi che comunque verificheremo e che potrebbero riaprire contenziosi legali da tempo sotto traccia da parte di altre proprietà.

Legambiente e Cittaverde da anni si battono perché quell’area avesse una definizione con modalità trasparenti ed un uso che non privilegiasse la rendita fondiaria che fosse adibiti prevalentemente a servizi verde pubblico parcheggi,ecc. Nell’Urbanistica Partecipata avevamo individuato il percorso diversamente da passato innovativo e su questa base si è mosso l’arch.Sandro Polci. E’ incredibile che un Piano Particolareggiato Polci da tempo sostanzialmente finito e pronto per il Consiglio Comunale venga anticipato attraverso una giravolta di dichiarazioni e accordi con privati.

Da tempo si intravedeva nella amministrazioni segnali negativi come la vicenda del centro commerciale in zona “Tre Case” ma oggi Sindaco e Giunta certificano una svolta che nella sostanza nella gestione del territorio è una sorta di continuo con le politiche del passato contro le quali gli ambientalisti e forze della sinistra si erano battute. Quella a cui stiamo assistendo è il solito e vecchio modo politico di gestire l’urbanistica che credevamo fosse tramontato. Questa non è Urbanistica Partecipata presente anche nel Programma dell’Amministrazione Comunale ma Urbanistica Contrattata.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2015 alle 17:49 sul giornale del 14 dicembre 2015 - 641 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, città verde

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arz1