Volley Potentino: una rinascita a ritmo di playlist

volley potentino 3' di lettura 09/12/2015 - A volte la realtà supera persino la fantasia. Che un sergente di ferro come Gianluca Graziosi decidesse di inserire musiche al palazzetto per alleviare la tensione dei suoi giocatori non era nemmeno immaginabile fino a pochi giorni fa.

Invece, l’allenatore del Volley Potentino, di fronte a un team di atleti impeccabili in allenamento, ma talvolta troppo condizionati in partita dal timore di fallire e dalla voglia di bruciare le tappe, ha escogitato un espediente fuori dagli schemi. Con l’aiuto del secondo allenatore Leonel Carmelino, e della collaboratrice Francesca Mecozzi, grazie anche alla complicità di alcuni degli stessi protagonisti, la settimana scorsa il tecnico originario di Falconara ha dato vita a sedute tecnico atletiche dure come al solito, ma con la novità di sinfonie propagate in sottofondo.

Nella playlist successi commerciali come “Waiting fol love” di Avicii, “Back togheter” di Robin Thicke, “Lean on” di Major Lazer, “Travesuras” di Nicky Jam e tanti altri. Una curiosità che non deve in alcun modo sminuire il lavoro assiduo effettuato dallo staff, con i giocatori, sottoposti ad autentici tour de force per migliorare la fase break e per diminuire il margine di errore in tutti i fondamentali, ma si tratta di uno spunto che forse ha influito sullo stato d’animo di un gruppo ritrovato. Proprio l’entusiasmo, lo spirito di squadra e la grinta rinnovata hanno gettato le basi per mettere alle corde in pochi giorni sia la Conad Reggio Emilia tra le mura amiche che la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania nel blitz a Montefiascone.

Tecnico Gianluca Graziosi:

«Ripeto sempre che con il duro lavoro si va lontano e ne sono convinto. Di fronte all’anomalia di un gruppo che si era sempre applicato alla perfezione in palestra, ma che in partita sembrava frenato dal timore di fallire, ho deciso di stemperare la tensione con uno stratagemma inconsueto nei miei allenamenti. Colonne sonore e brani musicali per scacciare i cattivi pensieri. In un periodo negativo dal punto di vista dei risultati, anche questa piccola novità forse ha giocato a nostro favore. Ovvio che se abbiamo battuto rivali insidiose come la Conad e la Maury’s il merito è del gioco espresso, ma è stato bello veder giocare la mia squadra senza blocchi. Dal punto di vista tecnico siamo cresciuti nella correlazione muro-difesa e siamo stati bravi nella fase di cambio palla. Al centro ho tre titolari con caratteristiche differenti tra loro e per me è un vantaggio poterli gestire in base alle esigenze del momento. Sono soddisfatto della prestazione. Ora non dobbiamo crogiolarci sugli ultimi risultati perché in questo torneo ogni gara va affrontata al top della forma».

Centrale del Volley Potentino Augusto Quarta:

«La musica in allenamento? Secondo me ha contribuito a restituire serenità. La mancanza della vittoria ci aveva reso troppo pensierosi. Il successo di ieri in 4 set a Montefiascone nasce da lontano. Il match casalingo di sabato con la Conad ci aveva ridato la sicurezza e l’entusiasmo che ci servivano. Avevamo bisogno di fare punti. Il morale è alto. Ora vogliamo cavalcare l’onda. Ieri, dopo l’iniziale difficoltà, abbiamo letto bene un alzatore forte come Monopoli e siamo riusciti a contenere gli schiacciatori di banda avversari, limitando anche le azioni offensive dell’opposto Mrdak, il più intraprendente tra loro. Non era facile giocare nella bolgia del Palasport. La Maury’s era sostenuta da un tifo incessante e nel primo set sono stato sostituito perché avevo perso brillantezza. Un cambio utile perché poi sono rientrato più concentrato e incisivo di prima».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2015 alle 17:44 sul giornale del 10 dicembre 2015 - 455 letture

In questo articolo si parla di sport, volley potentino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arrN