Corvatta replica alle esternazioni della società dell’area Ceccotti, sull’ordinanza per il ripristino del parcheggio pubblico.

Tommaso Claudio Corvatta 1' di lettura 05/12/2015 - La società Depositi e vendite, proprietaria dell'area Ceccotti, si meraviglia che che la pubblica amministrazione non receda dal rivendicare i propri diritti. Se è pur vero che vi erano stati colloqui costruttivi, che nelle nostre intenzioni non vengono affatto cancellati dall'ordinanza firmata martedì, è anche vero che questi colloqui erano stati svolti nell'immediatezza della chiusura dell'area, eseguita "a freddo" con un preavviso virtuale di poche ore e senza che i responsabili legali della vicenda avessero potuto approfondire la situazione.

Nel momento in cui chi ha la responsabilità di amministrare e gestire la città si rende conto di avere delle buone ragioni per richiedere che l'area Ceccotti debba tornare al suo status quo ante, non può esimersi dall'esercitare le proprie prerogative e quindi manifestare quelle che sono le facoltà e le potenzialità del pubblico. Sono convinto che, una volta che con trasparenza si siano poste sul tavolo le rispettive esigenze e competenze, la discussione potrà realmente essere costruita efficacemente.

Vista l'intraprendenza dimostrata dalla ditta nel gestire la proprietà dell'area Ceccotti e la volontà dell'Amministrazione comunale di giungere finalmente ad una soluzione positiva per questa zona della città, sono fiducioso che sarà possibile confrontare le rispettive forti determinazioni per un esito positivo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2015 alle 18:14 sul giornale del 07 dicembre 2015 - 499 letture

In questo articolo si parla di politica, tommaso corvatta, tommaso claudio corvatta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arlg





logoEV