Recanati: Art Bonus e recupero della Torre Civica, la Fbt eroga il primo contributo

2' di lettura 27/11/2015 - La Fbt è la prima mecenate recanatese per la riqualificazione e l'apertura al pubblico della Torre Civica. A compiere il primo passo sfruttando le agevolazioni dell'Art bonus è l'azienda leader nel settore della progettazione e realizzazione di prodotti audio altamente professionali sin dal lontano 1962.

Il suo contributo di 6.000 euro è già visibile sul sito del Ministero dedicato all'Art Bonus, a fianco della dettagliata descrizione dell'intervento per la sistemazione dell'antica Torre collocata nella centralissima piazza Giacomo Leopardi.

Il suo nome è già iscritto nell'albo nazionale dei mecenati, regalandole pertanto una grande visibilità. Immediati sono arrivati i ringraziamenti da parte del Sindaco Francesco Fiordomo e del delegato ai lavori pubblici Alessandro Biagiola a nome della cittadinanza e di tutta l'amministrazione comunale che crede fortemente in un progetto volto al recupero dell'antico manufatto storico risalente al 1160. L’intervento di manutenzione e riqualificazione da eseguire è finalizzato al recupero funzionale degli spazi interni, oggi non fruibili, oltre che e a rendere visitabile (seppur con limitazioni e mediante guida) la copertura con le antiche merlature ghibelline, attraverso le quali è possibile scorgere e godere del meraviglioso panorama che va dall’Adriatico ai Sibillini.

L’intervento proposto prevede l’esecuzione di numerose opere edili ed impiantistiche che vanno dal risanamento conservativo dei paramenti murari e delle pavimentazioni in cotto al consolidamento ed il trattamento delle strutture orizzontali in legno, dalla realizzazione di nuove scale in ferro di accesso alla cella campanaria e alla copertura all'installazione di nuovi corpi illuminanti per valorizzare gli ambienti interni e le peculiarità architettoniche della torre.

Il tutto è stato quantificato in 87mila euro. Alla Fbt l'onore e il merito di aver creduto per prima a questo progetto che sfrutta l'Art Bonus, il quale introduce un credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno del patrimonio culturale. Chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla legge, potrà infatti godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta. Attraverso l'Art Bonus sono stati lanciati anche i progetti per la sistemazione della Tomba di Beniamino Gigli presso il Civico Cimitero e il il restauro del portale di Sant'Agostino.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2015 alle 22:40 sul giornale del 28 novembre 2015 - 539 letture

In questo articolo si parla di politica, recanati, Comune di Recanati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aq2a





logoEV