Discussione della modifica sul regolamento del mercato ittico, il sindaco sul Consiglio comunale

Tommaso Corvatta 2' di lettura 23/11/2015 - In merito a quanto accaduto venerdì scorso in Consiglio comunale, premetto che nessuno di noi aveva approcciato la seduta pensando che si sarebbe arrivati alla discussione della modifica sul regolamento del mercato ittico, tenuto conto che andavano recuperati i punti della precedente seduta saltata per mancanza del numero legale.

La pressione degli esponenti della marineria è stata senza dubbio tangibile, inopportuna e da censurare, ma era comunque il segno dell'urgenza della questione per la categoria. Una urgenza di cui il Pd si è fatto portavoce nel corso della seduta. Sicuramente c'è stato un difetto di comunicazione tra i pezzi della maggioranza, in una serata molto delicata vista l'importanza degli argomenti in discussione e considerate le turbolenze del pubblico in aula.

All'interno della coalizione l'ipotesi di soluzione di compromesso sul mercato ittico era già stata accennata e ne avremmo discusso in un'apposita riunione nei prossimi giorni per verificare la convergenza della maggioranza. Ci sono state differenti sensibilità, tra chi ha ritenuto opportuno farsi carico del'urgenza del problema e chi riteneva necessario un approfondimento. Ciò non toglie che una risposta era dovuta e che io ed il presidente del Consiglio comunale eravamo concordi nell'anticipazione del punto all'ordine del giorno. Se vi è stata una carenza di comunicazione interna alla maggioranza, vista l'eccezionalità complessiva della seduta, essa rimane un fatto importante, ma comprensibile.

Nutro grande rispetto comunque per il coraggio dimostrato dal consigliere Rossi nell'esporre la sua posizione di fronte ad una platea evidentemente ostile. Non condivido invece le critiche espresse a mezzo stampa nei confronti del Pd.

Trovo invece incomprensibile la posizione del centrodestra, che in una situazione tanto delicata ha valutato che il gioco politico di mettere in evidenza le supposte divisioni in maggioranza valesse più dei contenuti da approvare. Quello che chiamano gioco delle parti lo lasciamo volentieri a loro.


da Tommaso Claudio Corvatta
Sindaco di Civitanova Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2015 alle 19:00 sul giornale del 24 novembre 2015 - 513 letture

In questo articolo si parla di politica, tommaso corvatta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqNJ





logoEV