Recanati: celebrata la giornata delle Forze armate edell'Unità nazionale

2' di lettura 03/11/2015 - Hanno partecipato anche gli studenti della scuola media San Vito coordinati dal prof. Coppari alle celebrazioni del 4 novembre, Giornata delle Forze armate e dell'Unità nazionale che si sono svolte domenica a Recanati.

I ragazzi hanno preso posto a fianco della numerosa rappresentanza delle associazioni combattentistiche come gli Alpini del gruppo di Recanati e Castelfidardo, l'Associazione nazionale carabinieri e la sezione locale dell'Anpi. Nuova e vecchia generazione insieme per celebrare una delle ricorrenze piu' significative della storia italiana in ricordo del 4 novembre 1918, anniversario della vittoria e della fine della prima guerra mondiale.

I giovani studenti hanno presentato "Le parole interrotte", frammenti, lettere e racconti della grande guerra davanti alla tomba dei caduti del Civico Cimitero, alla presenza del Sindaco Francesco Fiordomo, del Presidente del Consiglio Comunale Massimiliano Grufi, del Delegato ai lavori pubblici Alessandro Biagiola e degli Assessori Rita Soccio, Antonio Bravi e Armando Taddei. Presente anche il concerto musicale B. Gigli che ha accompagnato il corteo partito da piazza Giacomo Leopardi dove sono state deposte le corone d'alloro sulle lapidi ai caduti.

"Davanti alla lapide che ricorda i caduti, rappresentare Recanati con la fascia tricolore mentre risuonano le note dell'Inno di Mameli suscita sempre una grande emozione - dichiara il Sindaco Francesco Fiordomo -. Abbiamo festeggiato il 4 novembre, la festa dell'Unità d'Italia e delle Forze Armate. Lo abbiamo fatto leggendo le testimonianze di donne, orfani, ragazzi al fronte della prima guerra mondiale, testimonianze proposte dai ragazzi della Scuola Media San Vito che da tempo lavorano sulla nostra storia.

Fuori da ogni retorica penso che sia importante riflettere su noi stessi, da dove veniamo, sui sacrifici e sui lutti che ci hanno permesso di vivere in un Paese libero e democratico, sulle paure e sugli slanci di quei giovani catapultati dai campi al fronte, su come la strada verso la costruzione di un Mondo di pace e di giustizia sia ancora tutta in salita. Il 4 novembre sarà un giorno lavorativo come tutti gli altri, i ragazzi andranno a scuola, nessun segno rosso sul calendario, nessuna vacanza. Pensiamo però almeno per un momento che il 4 novembre festeggiamo l'Italia Unita e chi si impegna per la sicurezza ed il rispetto delle regole".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2015 alle 22:53 sul giornale del 04 novembre 2015 - 409 letture

In questo articolo si parla di attualità, recanati, Comune di Recanati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ap2a





logoEV