Parte domenica la mostra sull'area floristica Tre Case, a Fontespina

Mostra fotografica Area Floristica Tre Case 2' di lettura 16/05/2015 - Il circolo cittadino di Legambiente “Sibilla Aleramo” e l'assessorato all'Ambiente del Comune di Civitanova Marche organizzano una mostra con le foto di Antonio Pettinari scattate nella nuova area floristica protetta “Tre case” in località Fontespina, donata un anno fa al Comune dalla famiglia Orso.

L'obiettivo è quello di far conoscere questo patrimonio che si trova al confine nord della città, un lembo di spiaggia caratterizzato da diverse specie tipiche della vegetazione delle dune litoranee, meglio note come alofile e psammofile.

La mostra, che sarà allestita nell'ex Liceo classico di Civitanova Alta dal 15 al 24 maggio, vuole essere un veicolo di sensibilizzazione al rispetto dell'ambiente, ma anche un tentativo, non facile da raggiungere, di conciliare fruizione e integrazione al pubblico nella zona gestita da Legambiente.

L'iniziativa è stata presentata questa mattina in sala Giunta dall'assessore all'Ambiente Cristiana Cecchetti, dal presidente del Consiglio comunale Ivo Costamagna, da Giorgia Belforte e Moira Giusepponi (Legambiente), dal biologo Marco Cervellini, dal fotografo Antonio Pettinari e dai presidenti di Atac Francesco Mantella e Farmacie Carlo Centioni.

“La mostra – ha spiegato Giusepponi – fa seguito alla convenzione stipulata lo scorso anno per la gestione dell'area; ci siamo impegnati ad organizzare iniziative correlate alla salvaguardia dell'ambiente ed abbiamo pensato di coinvolgere le scuole. In particolare, gli scolari del sant'Agostino visiteranno la mostra e frequenteranno i laboratori a tema”.

Grazie al sostegno economico delle aziende partecipate sarà possibile recintare l'area e realizzare una specifica cartellonistica per farla conoscere. “Sono lieta di poter mantenere gli impegni presi con Legambiente – ha detto Cecchetti. L'Amministrazione comunale punta sempre più sull'ambiente, con interventi di salvaguardia del territorio, ma anche attraverso iniziative, corsi e lezioni nelle scuole. Da sottolineare che questi requisiti sono fondamentali per l'ottenimento della Bandiera blu”.

L'area presenta una vegetazione rara che ha una estrema capacità ad adattarsi ad un ambiente estremamente ostile e molto degradato, che può essere recuperato se si interrompono i danni dovuti ai mezzi meccanici.

Soddisfazione è stata espressa da Giorgia Belforte che, insieme a Rita Bellomarì ha lavorato al progetto della riserva verde da 25 anni. “Una iniziativa che lascia il segno in questa città – ha commentato Costamagna – realizzata grazie alle nostre aziende partecipate che ringrazio, insieme a chi con tenacia e determinazione è riuscito a salvaguardare questa area, e che deve avere il sostegno unanime di tutto il Consiglio comunale”.

“L'Atac sposa ogni progetto che migliori la qualità della vita dei cittadini – ha concluso Mantella. A Civitanova ci sono altre zone che potrebbero esprimere potenzialità e dove si può recuperare una migliore fruizione. Speriamo che questo di domenica sia un momento di sensibilizzazione importante su questo fronte”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2015 alle 22:37 sul giornale del 18 maggio 2015 - 749 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente, civitanova marche, comune di civitanova marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ajv8