Reti di nylon sulla spiaggia e in mare. Pericolo per tartarughe marine e cetacei

Guardia Costiera trova reti di nylon sulla spiaggia e in mare 1' di lettura 20/02/2015 - In seguito ad una passeggiata lungo la spiaggia nella zona a Sud di Civitanova, C.F. (71enne di Porto Sant'Elpidio) ha notato la presenza di una significativa quantità di reti di nylon, del tipo utilizzato per imbrigliare le cozze, e senza perdere tempo lo ha subito segnalato all'Ufficio Circondariale Marittimo mostrando una delle reti rinvenute sulla spiaggia.

Venerdì mattina, dunque, le attività di vigilanza ambientale che si svolgono quotidianamente si sono focalizzate sulla segnalazione del cittadino di Porto Sant'Elpidio e in particolare lungo il litorale Sud del Comune di Civitanova, prospiciente la foce del Fiume Chienti e anche più a sud.

L’operazione ha visto impegnata una pattuglia via terra ed una motovedetta in mare (CP 727) e ha permesso ai militari di verificare la presenza importante di queste reti di nylon anche in mare fino a 100 metri dalla costa. 'La quantità di reti rinvenuta - dichiara il Tenente di Vascello Michele Grottoli - non è tale da far presumere uno sversamento preoccupante, ma denota comunque numerosi episodi in tal senso e in generale la cattiva abitudine di alcuni addetti ai lavori di disfarsi delle reti in maniera non adeguata'.

Tali residui gettati in mare costituiscono - come noto - una grave minaccia per la vita di cetacei e tartarughe e per l’ecosistema marino in genere. Per questo la sensibilità della Guardia Costiera nei confronti di fenomeni simili è alta. In tal senso verranno avviati approfonditi controlli presso tutti gli impianti di mitilicoltura e presso le associazioni di pesca.


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it











logoEV
logoEV