Donazioni arricchiscono il Fondo Conti e il Fondo Brillarelli della Biblioteca Zavatti

Donazione alla Biblioteca Zavatti 2' di lettura 16/12/2014 - Si arricchisce il patrimonio della biblioteca Zavatti di Civitanova Marche. Merito della professoressa Livia Brillarelli e dei Salesiani, grazie ai quali saranno arricchiti il Fondo Conti ed il Fondo Brillarelli, interni alla biblioteca.

I cimeli donati dai Salesiani riguardano alcuni documenti del 1921, inerenti l’Aida rappresentata allo Sferisterio di Macerata, opera con la quale venne inaugurato come arena lirica da parte del conte Pier Alberto Conti, ed un prezioso arazzo del 1883, riguardante il matrimonio del conte Adolfo Conti ed Ia Battaglia di Cingoli, genitori di Pier Alberto.

Le opere donate da Livia Brillarelli vanno a completare il settore dedicato a Francisca Solari, con dediche di Pietro Mascagni, corrispondenza con gli ammiratori, foto artistiche rare e preziose caricature, fra cui Madama Butterfly di GEC, ossia Enrico Gianeri, uno dei più grandi caricaturisti degli inizi del secolo scorso.

"La nostra biblioteca – sottolinea il direttore Marco Pipponzi – è nata per essere una realtà moderna, negli anni, tuttavia, ha raccolto grazie alle numerose donazioni un patrimonio pregevole e la struttura andrà sempre più a conformarsi per adeguarsi al meglio a questo repertorio". "Livia Brillarelli – nota il musicologo Andrea Foresi – è l'anima culturale e storica di questo territorio, grazie al repertorio di documenti di grande valore che ha messo a disposizione di tutti".

"Ho scelto di lasciare il prezioso patrimonio di cui dispone la mia famiglia alla collettività – le parole della prof.ssa Brillarelli – Credo che la biblioteca Zavatti offra materiale di notevole importanza, basti pensare ai laureandi provenienti da diversi Paesi del mondo che inviano richieste per elaborare tesi su Enrico Cecchetti ed attingere al fondo a lui dedicato". Livia Brillarelli, il 10 gennaio 2015, presenterà proprio alla biblioteca Zavatti il suo libro "Francisca Solari da soprano a contessa. Il fascino di una donna tra 800 e 900", edito dalla Aracne di Roma.

"E' doveroso un sincero ringraziamento alla professoressa Brillarelli – la conclusione del vicesindaco Giulio Silenzi – La preziosa donazione di cui fa omaggio alla collettività viene dai valori che l'hanno formata. Il padre Lino è stato uomo di cultura, con una forte propensione alla socialità. Lei ha proseguito con la stessa dedizione al bene comune di suo padre".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2014 alle 11:50 sul giornale del 17 dicembre 2014 - 663 letture

In questo articolo si parla di civitanova marche, comune di civitanova marche, donazione, biblioteca zavatti, brillarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ac12





logoEV