SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > ATTUALITA'
articolo

Vivere in Band: i dieci musicisti tipo

2' di lettura
942

Siamo arrivati al terzo numero della rubrica dedicata alla musica, 'Vivere in Band'. In questo appuntamento, ecco dispensate la caratteristiche dei dieci musicisti tipo.

L'impassibile: Nonostante sotto al palco ci siano centinaia/migliaia di persone a ballare, ragazze che si denudano e gettano reggiseni sul palco, lui rimane fermo, immobile. L'unico movimento che riesce a fare è battere il piede a tempo.
L'esagitato: Nonostante stia suonando accanto alla porta del bagno del locale più sudicio mai visto, con al massimo 12 spettatori, inclusi parenti, amici e gestori del locale, lui si dimena come un forsennato come se fosse a San Siro. Spesso tenta tuffi nella folla non accorgendosi che sotto al palco non c'è nessuno.
Il precisino: Alle prove è quello che si accorge di ogni singolo errore, ai concerti guarda male e redarguisce gli altri membri della band. Non è mai colpa sua se sbaglia un semitono, sono gli altri che non hanno seguito l'improvvisazione jazz.
Il distratto: Passa più tempo a salutare gli amici che a suonare, dopo ogni canzoni deve bere e parlare con gli altri. Esegue più accordi sbagliati che giusti. Se non ricorda gli accordi comincia a suonare fisso in Do maggiore sentenziando: “Tanto prima o poi su questa scala ci passano”.
L'insicuro: Se sbaglia è il primo ad accusarsi dell'errore. Non è mai contento della propria performance e si scusa subito con gli altri al termine di ogni concerto.
Il fashion: Sfoggia ad ogni concerto un abito nuovo, spesso improbabile. Non balla per evitare di spettinarsi e dopo ogni canzone deve fare una ricarica di gel.
Il solitario: Qualsiasi cosa succeda attorno a lui, suona a testa bassa, spesso sotto capelli lunghi e sporchi. I trip mentali lo portano a viaggiare con la fantasia credendo di essere Jimi Hendrix a Woodstock.
Il marpione: L'occhiolino alle ragazze è il suo marchio di fabbrica. Prova a farle cantare e ballare ma a fine concerto rimane come sempre da solo ad arrotolare i cavi.
Il tecnologico: Compra nuovi aggeggi ogni settimana per la ricerca di nuovi suoni, effetti, computer, i migliori amplificatori, strumenti da migliaia di euro per poi ritrovarsi a suonare i watussi in una band di liscio.
L'improvvisatore: E' l'uomo che tiene la band in pugno. Si inventa finali fantasiosi, parte in assoli lunghissimi lasciando di sasso gli altri che non sanno più come fermarlo ma a fine concerto, inevitabilmente sono gli altri che lo tengo in pungo. Cioè, lo prendono a pugni!

Prossimi concerti:
Sabato 19 luglio - Notte Bianca a Trodica di Morrovalle - Passion Caffè

Contatti:
Sito internet: www.rinomatti.it
Pagina e gruppo Facebook
Rinomatti mail: rinomatti@libero.it





Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2014 alle 10:58 sul giornale del 19 luglio 2014 - 942 letture