SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > CULTURA
comunicato stampa

Recanati: Arianna Sbaffi vince il Lucky Strike Talented Designer Award

4' di lettura
2105

Arianna Sbaffi designer
La recanatese Arianna Sbaffi vince la novità della nona edizione del Lucky Strike Talented Designer Award, ovvero il Contest On-line, che consisteva nel premiare la migliore presentazione video.

La Raymond Loewy Foundation Italy nasce nel 2004 con l’obiettivo di promuovere il design in tutte le sue forme ricordando Raymond Loewy (1893-1986) è stato un eccezionale designer e, senza dubbio, il più versatile ambasciatore del suo mondo, divenuto una leggenda del design quando era ancora in vita. E’ stato il più influente protagonista del design industriale che il Nord America abbia mai conosciuto e ha avuto un notevole impatto sui gusti e gli stili di vita di molte generazioni. La sua filosofia ha ancora oggi una grandissima influenza sul mondo del design industriale. Una delle principali attività della fondazione è il Lucky Strike Talented Designer Award, premio annuale che offre l’opportunità ai laureati e diplomati delle facoltà e scuole di design, comunicazione, moda e multimedia di misurarsi con uno stimolo creativo orientato ed ispirato alla filosofia di progetto di Raymond Loewy, sintetizzata nell’acronimo MAYA “most advanced yet accetable”.

A vincere le IX edizione del Lucky Strike Talented Designer Award, è stato il progetto di tre studenti del Politecnico di Torino, 'Mirabilandia is Green'. I tre ragazzi hanno vinto 16 mila euro, ma il podio è stato conteso anche per le categorie Product, Fashion, Interior, Environmental-Urban e Web Grafica, e Contest Video. Ai vincitori di questi ultimi contest sono andati 2.500 euro ciascuno.

Tra questi creativi talentuosi vi è Arianna Sbaffi, con la migliore presentazione video 'Stand Up. Think globally, act locally', categoria Environmental/Urban Design. La relatrice è la professoressa Lucia Petroni dell' Università degli Studi di Camerino - Architettura e Design 'E. Vittoria'. La giovane designer ha ideato un sistema per la vendita, pensato e realizzato completamente in cartone, costituito principalmente da 4 parti: la copertura, il piano espositivo, il piano d’appoggio e l’espositore. Può essere facilmente trasportato in una custodia, montato in breve tempo e con poche mosse. Nella parte interna della copertura sono stati predisposti degli spazi dove inserire un sistema di illuminazione dotato di una lampada LED e una batteria ricaricabile per illuminare i prodotti e il punto vendita. Grazie alla versatilità del cartone è possibile personalizzare il sistema espositivo con decorazioni e loghi.

Arianna Sbaffi nasce a Recanati il 15 Novembre 1986. Appassionata da sempre di arte, design e grafica, frequenta l’Istituto d’Arte a Macerata. In seguito si iscrive alla triennale in Disegno industriale e ambientale presso l’Università di Camerino, dove si laurea nel 2010, con la tesi dal titolo “Figure da bambini: giocare, conoscere, sperimentare. Il ruolo dell’illustrazione per l’infanzia nel quadro della comunicazione digitale”, con voto 110 e lode su 110.

Durante il percorso di studi matura competenze artistiche e tecniche indirizzate alla progettazione di nuovi prodotti, rivolgendo particolare attenzione agli aspetti economico-culturali, tecnologici e ambientali. Nel 2008 parte per il programma Erasmus presso la Güzel Sanatlar Fakültesi - Hacettepe Üniversitesi ad Ankara in Turchia, dove può approfondire la sua passione per la grafica, l’illustrazione e la fotografia. Conclusa l’esperienza dell’Erasmus torna in Italia dove comincia un tirocinio di tre mesi presso la Clementoni di Recanati, una delle aziende leader nella produzione di giocattoli. Durante questa esperienza si occupa della progettazione di giochi per la prima infanzia, ma anche dell’illustrazione e della grafica.

Conclusi gli studi si iscrive alla Magistrale in Design, presso l’Università di Camerino, dove si laurea nel 2013 con una tesi progettuale dal titolo “Sistema espositivo per la vendita di prodotti alimentari tipici e locali”, con voto 110 e lode su 110. Per l’elaborazione della tesi fa riferimento allo studio del Prof. Roberto Giacomucci, dove svolge il tirocinio. Durante questa esperienza viene a contatto con l’azienda che produce complementi d’arredo in cartone, la Kubedesign, dove può realizzare il prototipo del progetto in scala 1:1.

Pochi mesi dopo la laurea, decide di mettersi in gioco, partecipando al Concorso Lucky Strike Talented Designer Award, una selezione che la mette a confronto con studenti di altre facoltà e che valuta il progetto in un contesto più ampio: quello nazionale. Negli ultimi mesi offre la propria collaborazione, come libero professionista, presso lo studio Ultradesign di Jesi che si occupa di progettazione di grandi elettrodomestici per alcuni marchi come Indesit, Hotpoint e Sholtès. Con alcuni suoi colleghi (neo-laureandi) di Università sta, inoltre, portando avanti vari progetti di design sperimentando la produzione di prototipi e oggettistica varia con una stampante 3D.



http://www.youtube.com/watch?v=HjEDV-jlHLE&list=PLjHqzuXuNcOuz3EYQGv7UOLbwem0222gV&feature=share&index=8


Arianna Sbaffi designer

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2014 alle 23:15 sul giornale del 27 maggio 2014 - 2105 letture