Porto e riqualificazione urbana al centro dell'incontro tra la giunta regionale e comunale

4' di lettura 24/02/2014 - Porto e infrastrutture, sanità e sociale, riqualificazione urbana e demanio. Sono solo alcuni dei numerosi temi trattati lunedì mattina nel corso dell’incontro tra la giunta regionale e la giunta del Comune di Civitanova Marche.

All’ordine del giorno gli argomenti urgenti della città, ma anche un ragionamento su una impostazione strategico-programmatica di lungo periodo. Le sedute congiunte, effettuate sul posto, sono ormai una consuetudine di questa legislatura che permette al presidente Gian Mario Spacca e agli assessori di approfondire le problematiche dei territori e di confrontarsi direttamente con gli amministratori locali per trovare soluzioni e definire strategie e sinergie.

“C’è la volontà - ha detto Spacca - di collaborare e di sviluppare progetti in un rapporto molto stretto. A questa città riconosciamo una forza propulsiva straordinaria: gli abitanti, oggi, sono dieci volte quelli degli anni ’30. Parliamo di una comunità che ha valenze molto forti sotto ogni profilo, sia sociali sia economiche. Vogliamo costruire insieme un progetto che guardi al futuro e che colga l’occasione straordinaria di questo momento di fare programmazione a lungo termine. Un’occasione offerta dai fondi europei 2014-2020 che vogliamo catturare in un rapporto di sinergia con le comunità locali. Per questo abbiamo avviato un percorso di costruzione della programmazione delle risorse europee insieme con il territorio".

“La giornata di oggi – ha commentato il sindaco Tommaso Corvatta - segna un punto di svolta: da un lato ribadisce la collaborazione piena della Regione con l’amministrazione locale, non per una bonaria accondiscendenza, ma per una concreto impegno nella ricerca di soluzioni per la città; dall’altro si disegna una strategia di più ampio respiro per risolvere i problemi nell’ottica di una spinta produttiva utile per tutto territorio. Ci riteniamo quindi pienamente soddisfatti dell’esito dell’incontro”.

Tra i vari punti approfonditi, il presidente Spacca, nel corso di una conferenza stampa, ha voluto porre l’accento sulla questione del completamento del porto con la realizzazione del molo di sopraflutto al fine di realizzare uno scalo attrattivo per le attività di diporto e turistiche di qualità, così come proposto dal sindaco Corvatta. “Ci siamo soffermati sul ruolo del porto in una prospettiva di servizi per l’intero territorio – ha sottolineato Spacca -. Questo progetto ha una priorità assoluta nell’ambito di una strategia europea che, attraverso la creazione della Macroregione, guarda al mare come risorsa fondamentale e ai porti come principale obiettivo di finanziamento nel contesto dell’interconnettività. Il porto trarrà vantaggi anche dagli interventi di potenziamento infrastrutturale effettuati sul territorio (terza corsia A14 e direttissima Civitanova- Foligno a quattro corsie) che integreranno fortemente l’economia marchigiana con quella umbra e del centro-Italia, considerando il fatto che le prospettive di crescita, oggi, sono a est nei mercati di Asia, India, Emirati Arabi”.

Negli ultimi anni il porto di Civitanova ha ricevuto dalla Regione finanziamenti per circa 4,8 milioni di euro, mentre 1,6 milioni sono stati impiegati per la difesa della costa.

Corvatta, da parte sua, ha espresso particolare soddisfazione per l’impegno della Regione a cooperare nella ricerca di risorse europee per il completamento del porto e per il “nulla osta” della Regione all’utilizzo della struttura del Comune denominata “San Silvestro”, ristrutturata con un contributo regionale di 110mila euro, per soggetti autistici.

“Lo stesso spirito collaborativo – ha aggiunto Corvatta – lo abbiamo riscontrato nella richiesta di riutilizzo della Casa studenti e anziani . Nonostante i vincoli, la questione sarà oggetto di approfondimento degli uffici regionali, al fine di trovare una soluzione al problema. Per quanto riguarda invece il recupero di Palazzo Ciccolini c’è la possibilità di inserirlo nel nuovo piano di Edilizia regionale popolare”.

Sempre nell’ambito della riqualificazione urbana, Spacca ha ricordato che l’intervento per risolvere le problematiche di dissesto idrogeologico di Civitanova Alta è previsto nell’Accordo di programma con il Ministero dell’Ambiente e i lavori dovrebbero concludersi ad agosto 2014.

Alla richiesta di un aggiornamento sulla questione relativa alla gestione del demanio marittimo e in particolare sulla possibilità dei Comuni di ridiscutere una parte dei canoni che attualmente vanno in larga parte allo Stato e in piccola parte alla Regione, Spacca ha illustrato lo stato dell’arte. “La questione, aggravata dalla direttiva Bolkestein – ha spiegato –, è al centro del dibattito della Conferenza Stato – Regioni che chiede il riordino della materia e una nuova legge quadro sul demanio marittimo con finalità turistico-ricreative. Ad oggi la dialettica con lo Stato è molto forte. Le Regioni chiedono l’attribuzione della gestione e che vengano poste all’attenzione dell’Unione Europea la peculiarità e le particolari caratteristiche delle nostre concessioni e delle imprese balneari marchigiane”.

In conclusione l’assessore alla Sanità Almerino Mezzolani ha confermato che insieme al dirigente del Servizio Sanità Piero Ciccarelli sarà presente al consiglio comunale aperto a Civitanova il 5 marzo per discutere la questione relativa al volontariato e alle “croci” che la Regione ha parzialmente risolto per quanto riguarda la passate pendenze, ma sta approfondendo per l’organizzazione futura in base alle normative europee e nazionali.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2014 alle 20:26 sul giornale del 25 febbraio 2014 - 659 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YZb





logoEV