Farmacie comunali, scoppia la polemica

1' di lettura 22/06/2013 - Cinque nuovi collaboratori per l'estate ma il Segretario Comunale Piergiuseppe Mariotti dice di no.

La Giunta comunale ha approvato nei giorni scorsi la delibera che prevede la possibilità, per le farmacie comunali, di assumere cinque farmacisti con contratto a tempo determinato al fine di garantire a tutti le ferie estive senza creare disservizio all'utenza.

La richiesta è stata avanzata dal Presidente Carlo Centioni (nella foto accanto al Sindaco Corvatta) ma ha trovato il parere negativo del Segretario Comunale in quanto la delibera non rispetterebbe i termini di legge che sanciscono il blocco delle assunzioni. Il parere del Segretario ha trovato sponda da parte di Raffaele Landolfo, membro della defunta commissione spending review e dirigente in pensione della ragioneria provinciale dello Stato, il quale nella pagina facebook di Cittadinanza Attiva, ha ribadito che il parere del Segretario è conforme alla normativa viegente sia sotto il profilo formale che sostanziale e che le farmacie sono soggette alle procedure stabilite per gli enti locali per le assunzioni essendo società affidatarie in house.

Tra l'altro la Corte dei Conti ha statuito la non derogabilità delle norme anche per le farmacie comunali, del resto, ha chiosato Landolfo, in nessun altro ufficio pubblico si è mai assistito a sostituzione di personale per le ferie.

La polemica quindi continua con numerose proteste sulla rete verso l'amministrazione Corvatta, per non aver rispettato il programma elettorale che prevedeva la chiusura delle aziende partecipate.






Questo è un articolo pubblicato il 22-06-2013 alle 13:53 sul giornale del 21 giugno 2013 - 853 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, corvatta, patrizia bianchini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/OAp





logoEV
logoEV
logoEV