Recanati: 'Correva l'anno 1932', successo per l'iniziativa

3' di lettura 15/11/2012 - Ogni tanto anche nelle nostre scuole, impoverite dai governi e maltrattate dall’opinione pubblica, si verificano piccoli, ma autentici “miracoli”. E’ quanto è successo sabato pomeriggio in occasione dell’incontro organizzato dalla Scuola Media di San Vito (Istituto Comprensivo “Nicola Badaloni”).

Nessun personaggio televisivo tra gli ospiti; nessun evento mediatico o eclatante, se non la riscoperta di una cappellina dedicata ai caduti della Grande Guerra; nessun argomento di stretta attualità, anzi un vero e proprio tuffo nel passato. Eppure sono venuti in molti ad ascoltare le parole di alunni e docenti e a riscoprire i segreti di un antico palazzo recanatese.

C’erano, insieme ai genitori, tanti altri cittadini di Recanati e dintorni, per i quali si è dovuto allestire un collegamento audio-video per dar modo di seguire i lavori. Erano presenti, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Comunale e dell’ANMIG di Recanati, Massimiliano Grufi, che insieme alla scuola ed al Comune di Recanati , ha progettato l’incontro; il Dirigente dell’Istituto Comprensivo “Nicola Badaloni”; il sindaco Francesco Fiordomo, il vicesindaco Antonio Bravi; l’assessore regionale Luca Marconi; la direttrice dell’Istituto di Storia “Morbiducci” di Macerata, Annalisa Cegna; il Rettore dell’Università di Istruzione Permanente di Recanati Aurora Mogetta; Silvana Giaccaglia, membro del direttivo nazionale AMNIG. Ai saluti inaugurali delle autorità, sono seguiti quattro canti della Prima Guerra Mondiale, presso la Chiesa di San Vito, eseguiti da più di 80 studenti e diretti dal prof. Augusto Cingolani: dalle noti dolenti di “Tapum”, si è passati alla rabbia di “Gorizia” ed infine ai toni patriottici della “Canzone del Piave”.

L’incontro si è quindi spostato nei locali scolastici di San Vito, dove gli ospiti –grazie alle schede storiche, ai filmati e alle foto d’epoca presentati dagli alunni della 3B- sono ritornati indietro di 80 anni, quando Recanati si apprestava ad inaugurare monumenti e lapidi legati ai caduti della Prima Guerra Mondiale: dal Monumento ai Caduti presso il Cimitero, alla Cappellina Votiva nella scuola di San Vito e alle lapidi commemorative sempre negli stesi locali. A realizzarli furono chiamati architetti di fama nazionale, come Guido Cirilli di Ancona, artisti del calibro di Cesare Peruzzi e Arturo Politi, nonché valenti artigiani della Scuola di Disegno “Antonio Calcagni” di Recanati: nata nel 1899 ad opera della locale Società Operaia, questa scuola era stata diretta sino al 1926 da Igino Simboli e poi da Cesare Peruzzi. Dopo lunghi decenni di silenzio, è tornata a suonare la campana della Cappellina, che il 28 ottobre del 1932 aveva chiamato a raccolta gli scolari di San Vito per l’ inaugurazione della stessa.

C’era allora una bambina di 10 anni che in una letterina ad una sua coetanea di Ancona, descriveva la cerimonia; dopo 80 anni, Mauretta –questo è il suo nome- accompagnata da un’alunna della 3B- ha ripetuta la stessa cerimonia di tanti anni fa, deponendo insieme una corona di alloro sull’altare della Cappellina. Apprezzatissime sono risultate le relazioni di Maila Pentucci, dell’Istituto Storico “Morbiducci” di Macerata, e di Giuseppe Capriotti dell’Università di Macerata, che hanno calato in un contesto storico più ampio gli esiti della ricerca condotta dagli studenti delle medie e coordinata dagli insegnanti Paolo Coppari, Giuditta Pierini e Antonella Chiusaroli.

Molte sono le persone che hanno reso possibile il buon esito dell’iniziativa: la dott.ssa Antonietta Rotini, responsabile dell’Archivio Storico e l’Uffico Tecnico del Comune di Recanati, Fabio Buschi per la preziosa consulenza fotografica, Stefano Carella per le riprese audio-video, Roberto Anconetani per l’assistenza tecnica, Fabrizio Carbonetti per aver messo a disposizione della scuola foto e documenti della sua collezione privata, ed infine la collaboratrice scolastica Gemma Onofri , instancabile e affettuosa presenza dietro le quinte.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2012 alle 22:29 sul giornale del 16 novembre 2012 - 1756 letture

In questo articolo si parla di attualità, recanati, Comune di Recanati, scuole, correva l'anno 1932, franbcesco fiordomo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/F7A





logoEV
logoEV
logoEV