Citt@verde: 'Lottizzazione ex sabbatucci, troppi stregoni, assente la Partecipazione'

Lottizzazione Sabbatucci 3' di lettura 21/10/2012 - La variante del Piano di Lottizzazione ex sabbatucci non è un atto dovuto verso il quale il Consiglio Comunale deve genuflettersi. La Variante ha avuto almeno dieci “osservazioni” da parte della Provincia più o meno condivisibili manon è un atto di cui prendere atto.Il Consiglio Comunale può non prendere atto delle “osservazioni” e il Piano decade. Se decade questa Variante al Piano di Lottizzazione non vengono meno ne le proprietà,ne le cubature ne il diritto a costruire.

Questi diritti privati non sono garantiti dalla variante al Piano di Lottizzazione ma dal Piano Regolatore.Infatti l’area ex sabbatucci è inserita con un Piano Norma nel PRG. Se i proprietari delle aree pagano l’ICI o l’IMU non la pagano perché si approva un Piano di Lottizzazione ma perché le loro aree prima in edificabili sono diventate edificabili quando sono state ufficializzate dentro il PRG ossia dal 2002. Quello che invece va sottolineato è che variare questo Piano di lottizzazione di inziativa pubblica è prerogativa del Consiglio Comunale.variare a saldo invariato della totalità dell’area,della cubatura garantita dal PRG non è COMPRIMERE i diritti dei privati in quanto non si interviene e si cancella la previsione del PRG ma si cambia il contenuto della lottizzazione.

In tanti hanno agitato e continuano ad agitare il fatto che se i consiglieri comunali bocciano il Piano di Lottizzazione sono passibili di denunce di richieste di danni,ecc. Se i consiglieri comunali non possono votare contro cosa rimane della loro funzione e della formazione di un libero convincimento? Qualche esegeta del diritto appellandosi alla sentenza 500/1999 della Corte di Cassazione ,sentenza che puntualizza quando e come viene violato da parte della Pubblica Amministrazione il diritto del privato e si puntualizza la forma del risarcimento, non la racconta tutta. Il danno della P.A. nei confronti di un “diritto” si configura quando c’è dolo,abuso di ufficio e quando un atto della P.A. non motiva sostanzialmente il perché viene “compresso” un diritto.Nel nostro caso il Consiglio Comunale bocciando il Piano di Lottizzazione non cancella la previsione del PRG ossia del Piano Norma dell’area ex sabbatucci ma caso mai riforma ed è sua prerogativa le modalità di applicazione con una Variante che solo il Consiglio Comunale può decidere.

A noi di Cittaverde piacerebbe che dal PRG sparissero tante lottizzazioni ma l’amministrazione comunale si incaminerebbe in una strada difficile,forse impossibile.Diversi è invece modificare un Piano di Lottizzazione.Facciamo un esempio: nei pressi di Villa Conti c’è una lottizzazione importante.Nata con delle caratteristiche in cui le abitazioni erano in parte accorpate le stesse sono state “spacchettate” a cubatura complessiva invariata. Una scelta quella che non ci è piaciuta perché ma che tecnicamente è stata possibile . Noi proponiamo per la Sabbatucci un percorso inverso. Si conterrebbe il consumo di suolo dove siamo maglia nera regionale, si salverebbe l’area di tutela in edificabile del PTC che oggi viene in parte sacrificata,ecc.Il tutto senza che la residenza ne venga a perdere in qualità


da Citt@verde
associazione ambientalista Civitanova Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2012 alle 18:47 sul giornale del 22 ottobre 2012 - 1204 letture

In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, citt@verde, lottizzazione sabbatucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Fcr





logoEV
logoEV