Citt@verde: 'Le dichiarazioni di Peroni sulla Ciclabile inducono a riflessioni e proposte'

biciclette| 3' di lettura 15/08/2012 - Il problema del traffico ,della mobilità e della sosta in centro merita non solo enunciazioni che ciclicamente compaiono sulla stampa ma qualche azione concreta da parte della amministrazione comunale. Non lo si dice apertamente ma quello che a volte si sottintende è un presunto conflitto fra diversi diritti. Il diritto alla salute, le PM10 nonostante la rimozione della centralina della provincia non sono scomparse, la qualità della mobilità e il commercio in centro.

Ora se si facesse un discorso di gerarchie dei diritti è evidente che quello della salute è prioritario. Il problema è che chi amministra ha il dovere di evitare lo status quo che genera conflitti e trovare al più presto soluzioni praticabili che soddisfino le varie esigenze. Noi siamo convinti che in centro , che va ben aldilà del quadrilatero Corso Umberto,PiazzaVialetti, viale Matteotti e Duca degli Abruzzi, sia possibile organizzare una bella Pista Ciclabile. Il costo reale di questa opera da non intendersi un muratura come quelle nel lungomare ma solo con segnaletica orizzontale e verticale con qualche dissuasore è la cancellazione di una parte della sosta a pagamento.

Una sosta a pagamento che può essere realizzata “soppalcando” i Parcheggi esistenti quali ex Lavatoio ,Parcheggio zona Cristo Re,Parcheggio dietro ex Albergo Adua. Una operazione che recupererebbe i posti auto che si perderebbero abolendo la sosta a pagamento in un lato del “quadrilatero”. Si obietterà il Comune così perderà degli incassi. E’ vero ma basterebbe per recuperarli che nel Bilancio di prossima approvazione vi fosse una profonda revisione in aumento delle entrate derivanti da fitti e canoni provenienti da beni comunali che sono da anni scandalosamente Low Cost e dal taglio sostanziale di contributi molto discutibili sulla loro opportunità ed efficacia. Non è questa la soluzione a breve termine? si dica quale altra soluzione può andare incontro realmente ai problemi che affliggono il Centro.

L’assessore Peroni dice di voler studiare soluzioni. Bene. Noi crediamo che non è pensabile avviare concretamente una diversa mobilità del centro urbano, non prevedendo come sembra venga caratterizzandosi il bilancio comunale , finanziamenti per progetti e per Parcheggi oppure pensare che la risposta venga almeno a medio ( 5 anni) dal Piano Particolareggiato dell’area ex Ceccotti. Su questi punti auspichiamo che l’assessore al Traffico dia una marcata caratterizzazione nel Bilancio di Previsione di prossima approvazione. Noi non vogliamo affrontare questa problematica da un punto di vista” radicale” che pure ha una sua ragione ambientale come quello che “in centro non ci si va con il mezzo privato”ma con proposte ragionevoli che possono rappresentare una mediazione positiva fra le varie istanze che si confrontano.

Oggi proprio per le difficoltà finanziarie dei Comuni è il momento di puntare sulla qualità della città che diventa favola se non si realizzano servizi pubblici di qualità sia sulla mobilità-traffico sia nell’arredo urbano,nella pulizia e nell’accoglienza. PS: Foto: così oggi vengono "posteggiate le decine e decine di biciclette in centro.


da Citt@verde
associazione ambientalista Civitanova Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-08-2012 alle 09:00 sul giornale del 16 agosto 2012 - 729 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, pista ciclabile, biciclette, pm 10, citt@verde, francesco peroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/CQL





logoEV
logoEV