Recanati: C.L.P./Centro Città 2.0, 'E cerque n'ha fatto mai e melarance'

parcheggio| 2' di lettura 18/07/2012 - Finalmente.....i parcheggi ! E' questa la scritta trionfalistica che compare in grande evidenza sulla prima pagina dell'ultimo numero del periodico “Il Comune di Recanati”, a cura dell'Amministrazione Comunale. Sotto la scritta si vede l'immagine futuristica della nuova situazione che si dovrebbe creare quando il progetto sarà stato attuato.

Segue, a pagina 3, un articolo dell'assessore Galassi che spiega gli aspetti positivi di tale progetto, definito “Centro Città 2.0”, figlio del vecchio “Centro Città” regalatoci da Corvatta con un contratto firmato, appena prima di decadere come sindaco, poco più di 2 anni fa', in barba alle migliaia di firme contrarie di cittadini recanatesi, tra cui molti degli attuali amministratori. Ma se è vero che, come diciamo noi a Recanati “e cerque n'ha fatto mai e melarance”, anche il “Centro Città 2.0” presenta numerosi aspetti negativi, su cui l'assessore ha preferito sorvolare.

Vediamone in breve alcuni:
1. Oggi ci sono in viale Adriatico e dietro al Campo Sportivo ( fino a poco fa c'erano anche al Foro Boario ) circa 150 posti auto GRATIS. Domani bisognerà pagare dappertutto, e i soldi andranno alla Ditta che gestirà i parcheggi, per 50 anni.
2. Project Financing, ciò significa sostanzialmente che il privato finanzia l'opera in cambio della disponibilità dell'area. Cosa succede se il privato i soldi li finisce? Avremo un'opera incompiuta, peggio del vecchio Palazzetto dello Sport. I privati espropriati comunque saranno garantiti dal Comune, cioè dai contribuenti recanatesi!
3. Alberi secolari abbattuti, hanno già iniziato. Probabilmente altri alberi saranno piantati, ma occorreranno molti decenni e migliaia di metri cubi d'acqua prima che essi raggiungano un'altezza appena decente.
4. Scomparsa del vecchio Campo Sportivo, la cui presenza è definita “anacronistica” dall'assessore, anche se non la pensano così tantissimi cittadini, e ricordiamo anche gli 800.000 euro per il fondo sintetico del nuovo Campo Sportivo.
5. Aumento della cementificazione, e quindi dell'impermeabilizzazione, del territorio, e questo significa anche maggior rischio di frane, smottamenti, alluvioni nel caso di piogge particolarmente intense. Potremmo continuare l'elenco, ma preferiamo fermarci. E' chiaro che prima responsabile dello scempio prossimo venturo è la vecchia Amministrazione Corvatta, ma perché l'attuale Amministrazione ha preferito procedere solo a modifiche, neanche sempre migliorative, dello scellerato progetto, piuttosto che contestarlo nella sua globalità, per giungere a soluzioni forse meno “futuristiche” ma certamente molto meno costose e più rispettose dell'ambiente? Non crediamo che non sarebbe stato possibile un cambiamento radicale. Forse è mancata la volontà?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2012 alle 22:50 sul giornale del 19 luglio 2012 - 1084 letture

In questo articolo si parla di parcheggi, recanati, parcheggio, critica, Associazione C.L.P. Recanati, centro 2.0, c.l.p.

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/BNA





logoEV