SEI IN > VIVERE CIVITANOVA > SPETTACOLI
comunicato stampa

Sabata 14 Luglio da Parigi l'esplosiva blanca li porta in piazza l'Electro Dance

3' di lettura
977

logo civitanova danza

Una performance esplosiva, una danza mozzafiato per ritmo e coinvolgimento, descrive in sintesi Elektro Kif di Blanca Li, ballerina e coreografa francese di versatile talento, in scena a Civitanova Danza sabato 14 luglio in Piazza della Libertà nella città alta con la sua compagnia composta da otto energici danzatori (ingresso gratuito - in collaborazione con Popsophia).

Il terzo appuntamento del festival internazionale – promosso dal Comune di Civitanova Marche, dai Teatri di Civitanova, dall'AMAT, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Marche, dalla Provincia di Macerata, dalla Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata e dalla Camera di Commercio di Macerata – non è semplice hip-hop ma un mix di linguaggi che da pochissimo tempo sono diventati nelle banlieue parigine uno stile vero e proprio: electro style. “Ero seduta in un giardino pubblico – afferma la coreografa - quando un gruppo di ragazzi si è avvicinato e ha cominciato a ballare electro: c’era qualcosa di molto fresco, che si vede solo durante i primi momenti di una danza che non è ancora matura, solo quando c’è quella passione creativa che gli interpreti hanno quando inventano movimenti nuovi con tutta la loro eccitatissima libertà.

” Blanca Li è una vera e propria alchimista della danza, il suo ricco repertorio va dal flamenco all’hip-hop e alla danza classica. Mixare discipline diverse per unire universi apparentemente lontani è indubbiamente la sua cifra artistica principale. Ha creato coreografie, opere e musical per teatri molto importanti tra i quali l’Opéra National de Paris dove le sue Opere danzate Les Indes Galantes e Shéhérazade hanno riscosso molto successo. Ha lavorato anche in altri ambiti artistici: nel campo delle arti visive ha creato in particolare due mostre I’ll teach you how to dance e Dancing Machine presentate in prestigiosi contesti come il Museo Musac in Spagna ed il festival Exit alla Maison des Arts de Créteil e a Lille 3000; ha realizzato alcuni film tra cui The Challenge, un tributo al musical americano trasposto al mondo dell’hip-hop francese, Step by Step e The Code has Changed, ed è diventata una vera e propria icona per il suo ruolo in Kika di Pedro Almodóvar.

È stata nominata “Officier des Arts e des Lettres” dal Ministero della Cultura Francese nel 2007 e “Chevalier de l’Ordre National du Mérite” dal Ministero degli Affari Europei nel 2004. Nel 2009 ha ricevuto la “Medalla de oro al merito en las Bellas artes”, prestigioso premio spagnolo e il “Manual de Falla Prize” nel 2004 per il suo lavoro coreografico. L’electro dance nasce attorno al 2000 nei sobborghi di Parigi, dove un gruppo di ragazzi tra i 14 e 20 anni inventa qualcosa di nuovo che prende spunto dai movimenti hip-hop e dal tecno style; essendo ballato in strada, la sua diffusione è avvenuta per mezzo del passaparola e tramite i video amatoriali su youtube fino ad arrivare al Techno Parade di Parigi del 2007.

Questa danza si adatta alla musica house e tecno e si caratterizza principalmente per la libertà che ognuno ha di inventare i propri passi. In Francia oggi ci sono circa quindicimila danzatori electro e Parigi si conferma il cuore di questo stile ospitandone circa diecimila. Si tratta di un tipo di danza in continua evoluzione proprio perché è così recente ed interagisce con aspetti estetici, tecnici e musicali delle persone che lo incarnano. Blanca Li ha introdotto l’electro dance nella scena teatrale attraverso un preciso progetto coreografico. Il progetto artistico di Civitanova Danza è di Gilberto Santini (direttore AMAT). Main sponsor è Ica alla quale si affianca Paciotti, Hotel Miramare e Maxicar. Per informazioni: Teatro Rossini 0733 812936, Teatro Annibal Caro 0733 892101. Inizio spettacolo ore 21.30.



logo civitanova danza

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2012 alle 17:41 sul giornale del 13 luglio 2012 - 977 letture