IDV: Appoggio esterno e critico verso la giunta comunale

idv marche 3' di lettura 06/07/2012 - IDV di Civitanova ha deciso di restare fuori dalla Giunta Corvatta-Silenzi, nella quale non è rappresentata, e dalle aziende partecipate dal Comune, e di appoggiare dall’esterno la coalizione nella quale è stata determinante per la vittoria di Corvatta, alle primarie prima e alle elezioni poi: siamo consci di aver avuto un risultato importantissimo, determinante per vincere ma non più numericamente determinante in consiglio, ora, per le sorti della maggioranza che si è consentito ad altri di egemonizzare.

Abbiamo comunque la certezza che siamo stati come un lievito, senza il quale il centrosinistra non avrebbe mai vinto. IDV non può, ora, che essere coerente e conseguente, come altri non sono, con l’azione politica che ha svolto da un anno a questa parte. IDV ha sempre ritenuto fondamentale la promessa di rinnovamento di Corvatta e di un nuovo modo di fare politica per strappare il Comune alla destra: e in base a queste promesse i civitanovesi hanno votato Corvatta, che ha vinto per un pelo forse perché la sua promessa di rinnovamento non aveva convinto.

E infatti questa promessa fatta a noi e alla città è stata tradita, come ad esempio con la nomina di Silenzi a vicesindaco pieno di deleghe importanti, sovradimensionato ed egemone in Giunta come ora molti, apprendiamo dalla stampa più recente, stanno rilevando sia da dentro il PD che dalla lista Corvatta. Ma non solo. Il balletto delle nomine nelle aziende non ci piace: vorremmo che le aziende venissero chiuse come promesso e che ne rimanesse una sola (come per legge) e che le nomine escludessero politici e venissero fatte in base alle capacità e ai curricula di esponenti della società civile che sarà nostra premura chiedere di far pervenire al Comune e a noi, per poi poterlo ricordare a chi di dovere. Il voto contrario al bilancio del Cosmari del Signor Berdini per conto di Silenzi non è stato discusso in maggioranza e non ci trova d’accordo né per forma né per sostanza: intanto era opportuno che all’assemblea andasse il sindaco; inoltre il Cosmari è azienda pubblica della quale va chiuso l’inceneritore, ma che rappresenta tutti i comuni della provincia, molti di centrosinistra e opera positivamente nella raccolta differenziata. Votare contro il bilancio, unico comune della provincia oltre a quello di Macerata(della quale è nota la volontà, respinta, di far acquistare la SMEA dal Cosmari), è atto politico grave, non concordato in maggioranza, che non condividiamo. Peraltro, esponenti della Giunta Corvatta non sono estranei al rallentamento della realizzazione della discarica di Cingoli che aumenta i costi di smaltimento.

Un atto che rischia di isolare Civitanova così come gli attacchi di esponenti della Giunta al Presidente della Provincia in più di una occasione. Infine, apprezziamo che esponenti della Giunta abbiano cambiato idea su Popsophia, che noi abbiamo sempre difeso, e ora la cavalchino dopo averla attaccata: forse perché ora è divenuto strumento più domestico? Alla luce di tutto ciò confermiamo il nostro appoggio esterno e per ora critico alla Giunta: nelle prossime settimane effettueremo ulteriori valutazioni.

Paolo Rachiglia
Giorgio Marinangeli
Paola Giorgi
Giovanni Torresi






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2012 alle 20:11 sul giornale del 07 luglio 2012 - 827 letture

In questo articolo si parla di politica, civitanova marche, giulio silenzi, idv, Paola Giorgi, giovanni torresi, IDV Civitanova, paolo rachiglia, tomaso corvatta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/BjK