Lippo (Uniti per Cambiare): 'Incapacitá della giunta a gestire il bilancio'. Continua la querelle sugli arredi di Palazzo Sforza

Alessandro Lippo 1' di lettura 27/04/2012 - A fare confusione con i soldi dei contribuenti è proprio il Sindaco Mobili. Con la delibera comunale 550 del 1 Dicembre 2010, l’Amministrazione Mobili ha acquistato, al costo di 50.000 euro, arredi (il sindaco ha parlato di poltroncine) per il suo ufficio ed altre sale comunali. Per ottenere i 50.000 euro hanno addirittura fatto ricorso ad un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti.

Se gli arredi erano logorati, come è possibile che nella stesura del bilancio di previsione non sia stato elaborato un preventivo serio sugli acquisti dei relativi mobili usurati? E’ mai possibile che, per una somma così modesta per un’Amministrazione, si proceda con un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti incrementando l’indebitamento del Comune che già si trova al limite? Inoltre analizzando la delibera numero 340 del 08 Luglio 2011, relativa ad una serata di Box che è costata a noi contribuenti 45.000 Euro, la sua Amministrazione ha proceduto all’erogazione della somma ricorrendo al “fondo di riserva”. Forse il Sindaco non è a conoscenza del fatto che, il fondo riserva viene utilizzato per azioni urgentissime sulla base del presupposto che vi è carenza di fondi nei singoli capitoli di bilancio. Non ci venga a dire che un incontro di box rientra tra i requisiti dell’urgenza.

Dalla disamina di queste due “piccole” delibere (ancora dobbiamo verificare tutte le altre) emerge l’incapacità di questa Amministrazione (fortunatamente uscente) di gestire seriamente il Bilancio che, al contrario, rappresenta la base del futuro per la nostra città. Nel nuovo Governo della città insieme a Tommaso Corvatta, non ci saranno più questi sprechi e ogni spesa amministrativa avverrà “secundum legem”.


da Alessandro Lippo
Lista Civica Uniti per Cambiare





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2012 alle 20:32 sul giornale del 28 aprile 2012 - 1197 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, civitanova marche, arredamento, boxe, massimo mobili, palazzo sforza, alessandro lippo, tommaso corvatta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ymQ





logoEV
logoEV